banner_ultimo

Facebook

Twitter

Foto

Foto

Video

Video

mattarella_hp

L’Euregio tra i banchi di scuola del Trentino

Comunicato 661 del 24/03/2017

In due giorni coinvolti 60 studenti di 3 istituti

Far conoscere agli studenti trentini l’Euregio come istituzione, la sua storia, la mission e le attività che svolge quotidianamente. Questo l’obiettivo degli incontri organizzati dall’Ufficio comune Euregio all’Istituto Pavoniano Artigianelli, l’Istituto tecnico economico Battisti Tambosi e il liceo Prati di Trento. In due giorni sono stati 60 gli studenti coinvolti. Il segretario generale del GECT Euregio Valentina Piffer e Roberta Tomazzoni, dell’Ufficio comune Euregio, hanno presentato i progetti attivi in particolare quelli rivolti ai giovani come l’Euregio Sport Camp, l’Euregio Music Camp, l’Euregio Summer Camp e il Festival della Gioventù Euregio. Una presentazione, quella presso l’Istituto tecnico economico Battisti Tambosi, si è tenuta in lingua inglese e in lingua tedesca. Le scuole interessate ad ospitare una presentazione per i propri studenti, sono invitate a mettersi in contatto direttamente con l’Ufficio comune Euregio (info@europaregion.info).

Link al Comunicato PAT

Il Consiglio dei ministri riconosce alla Provincia le quote variabili 2006-2009 per 770 milioni

Comunicato 660 del 24/03/2017

Il via libera allo schema di Dpr è arrivato stamani a Roma

Buone notizie per il Trentino dalla riunione di oggi del Consiglio dei ministri: nel corso della seduta è stato infatti approvato lo schema di Dpr riguardante gli arretrati spettanti alla Provincia per il periodo 2006-2009, in totale 770 milioni di euro, che verranno corrisposti in tre tranches corrispondenti alle quattro annualità. Nel 2017, quindi, verranno liquidati i crediti relativi alle prime due tranches, nel 2018 e 2019 quelli corrispondenti alle altre 2 tranches. “Non sono soldi nuovi – ha sottolineato stamani il presidente Ugo Rossi – ma la decisione di oggi è importante sia perché per la riscossione dei crediti dallo Stato è necessario un atto come questo, sia anche perché testimonia del buon clima dei rapporti fra la Provincia autonoma e il Governo, in particolare con il viceministro Morando, con cui ci stiamo confrontando anche su altri temi analoghi, e che ringraziamo per la collaborazione”. Le quote variabili originariamente erano state istituite con lo scopo di adeguare anno per anno le finanze delle Province autonome al raggiungimento delle proprie finalità e all’esercizio delle proprie funzioni.Tali somme sono venute meno a seguito dell’introduzione delle norme, nel 2009, sul Federalismo fiscale e al conseguente Accordo di Milano, che ha stabilito un meccanismo diverso di finanziamento dell’Autonomia, interamente gestito dalla Provincia. Dal 2018-2018 la voce relativa a questo tipo di arretrati andrà dunque ad esaurirsi. L’approvazione del decreto di oggi consente di confermare il volume complessivo delle entrate iscritte nel Bilancio 2017-2019, che già teneva conto di questi gettiti arretrati.

Link al Comunicato PAT

Atto incendiario a Roncone, “episodio che offende l’intera comunità”

Comunicato 659 del 24/03/2017

Il presidente Rossi e l’assessore Zeni: “L’intolleranza non appartiene al nostro territorio”

“Il territorio trentino ha subito nelle ultime ore un atto di violenza. Un’azione che non colpisce solo i migranti e il progetto di accoglienza ma che offende i valori più profondi della nostra comunità.” Il presidente Ugo Rossi e l’assessore provinciale Luca Zeni esprimono la propria ferma condanna riguardo l’episodio che ha preso di mira una struttura di Roncone dove sono ospitati dodici richiedenti protezione internazionale. Ignoti hanno dato fuoco, la scorsa notte, all’ingresso dell’edificio provocando danni di modesta entità. “Si tratta – affermano Rossi e Zeni – di riprovevoli azioni che cercano di minare la serena convivenza. Il tentativo sembra essere quello di infrangere con la violenza un equilibrio, una progettualità che giorno dopo giorno si traduce in accoglienza, dialogo e incontro, pur tra le difficoltà che inevitabilmente accompagnano questi percorsi. L’episodio di Roncone, come quelli di Lavarone e Soraga, appare come l’azione vigliacca di chi, consapevole di non avere il sostegno della comunità, cerca quindi di destabilizzare in modo criminale il cammino di accoglienza, trasmettendo un’immagine di intolleranza che non appartiene al nostro territorio. La quotidianità della convivenza sta dimostrando che queste violente manifestazioni di dissenso nulla hanno a che vedere con il reale sentire e l’effettiva risposta della comunità. A Roncone, quindi, l’accoglienza proseguirà senza cedimenti. Inizialmente v’erano state alcune proteste, peraltro strumentalizzate, riguardo l’arrivo dei migranti, ma poi tutto è andato per il meglio come confermato proprio stamane dal sindaco. È responsabilità dell’intera comunità – concludono presidente e assessore – non sottovalutare l’entità di questo nuovo atto di violenza che fra l’altro stavolta ha colpito una struttura dove all’interno sono presenti dodici persone; tuttavia, è altrettanto importante non interpretarlo come un segnale di odio da parte di molti, bensì come un’indegna provocazione da parte di pochi.” Sulla stessa linea il sindaco Franco Bazzoli, che parla di “atto deplorevole e inqualificabile che non rappresenta la comunità delle Giudicarie e di Roncone, che si è sempre distinta per generosità e accoglienza.” “Si tratta di un’azione molto grave che non deve essere sottovalutata perché caratterizzata dal passaggio dalle parole ai fatti”, afferma il presidente della Comunità delle Giudicarie Giorgio Butterini che aggiunge: “Ci sono canali civili e democratici per manifestare la propria insofferenza”.

Link al Comunicato PAT

Accademia dell’Euregio, formazione per giovani europei, iscrizioni prorogate al 26 marzo

Comunicato 658 del 24/03/2017

Ultimi posti disponibili per il percorso formativo curato dalla Fondazione Trentina Alcide Degasperi e dal Gect Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino alla scoperta di storia, politica e diritto dell’euroregione. Un percorso di 4 tappe aperto a 45 studenti e giovani interessati under 35 (che abbiano una conoscenza almeno a livello B1 della lingua tedesca), composto da seminari qualificati e testimonianze dirette. Iscrizioni prorogate al 26 marzo 2017.La prima tappa di Accademia dell’Euregio si terrà dal 31 marzo al 2 aprile a Pieve Tesino, e sarà dedicata a storia, politica e diritto. Il secondo appuntamento sarà il 21 e 22 aprile fra Merano e Castel Tirolo, con approfondimenti su Europa ed identità. A maggio è previsto un viaggio a Bruxelles alla scoperta delle istituzioni comunitarie. Infine la conclusione del ciclo è fissata in occasione del Forum Europeo di Alpbach, dove si parlerà di mobilità, ricerca e futuro dal 18 al 20 agosto. Il progetto è organizzato dal GECT Euregio con la collaborazione della Fondazione Trentina Alcide De Gasperi, dell’Accademia europea di Bolzano EURAC e delle Università di Trento, Bolzano e Innsbruck. Informazioni e iscrizioni sul sito http://www.europaregion.info/it/euregio-akademie.asp.

Link al Comunicato PAT

bottom bottom bottom