Un milione contro fallimento formativo e dispersione scolastica

Comunicato 2045 del 30/09/2016

Approvato un avviso per le scuole e gli enti accreditati, per il biennio 2017-2018

Un milione di euro per il biennio 2017-2018: a tanto ammontano in totale le risorse, del programma operativo del Fondo sociale europeo 2014-2020 della Provincia, con cui saranno finanziati i progetti delle scuole trentine per contrastare il fallimento formativo precoce e la dispersione scolastica. Oggi la Giunta provinciale, su proposta del presidente Ugo Rossi, ha approvato lo schema di avviso rivolto alle scuole e agli enti accreditati per fare formazione. L’obiettivo generale è quello di contribuire alla riduzione e alla prevenzione della dispersione scolastica e di supportare gli studenti in difficoltà, anche dovuta alla presenza di bisogni educativi speciali, per il conseguimento di un titolo di studio conclusivo del primo o del secondo ciclo. L’avviso prevede, in particolare due tipologie di interventi che potranno essere finanziati, ognuno con 500mila euro nel biennio: quelli di supporto all’apprendimento nelle fasi evolutive per favorire il successo personale e formativo rivolti a studenti iscritti al primo ciclo di istruzione, in età di obbligo scolastico; quelli per la promozione del successo formativo e di contrasto alla dispersione scolastica rivolti a studenti iscritti alla scuola secondaria di secondo grado o della formazione professionale, con particolare attenzione al primo biennio, oppure a studenti iscritti all’ultimo anno della scuola secondaria di primo grado già inseriti in percorsi di orientamento. Gli interventi dovranno essere rivolti a studenti con difficoltà o ritardo negli apprendimenti scolastici, anche con bisogni educativi speciali o con un rapporto compromesso con l’istituzione scolastica, anche dovuti a situazioni di momentanea difficoltà personale o familiare ed a studenti a rischio di insuccesso formativo o di abbandono scolastico. Le proposte per cui si richiederà il finanziamento potranno comprendere laboratori trasversali alle diverse discipline, attività di studio assistito, processi di motivazione dello studente e di costruzione di un rapporto positivo con l’istituzione scolastica o formativa, azioni per contenere le situazioni di svantaggio generate da difficoltà di apprendimento o da particolari condizioni ambientali o sociali, percorsi di orientamento per i ragazzi della secondaria del primo ciclo, percorsi di apprendimento cooperativo, percorsi di rafforzamento delle capacità personali, iniziative per sostenere l’inclusione degli studenti stranieri in difficoltà. Per informazioni ci si può rivolgere al Servizio Europa della Provincia – Ufficio Fondo sociale europeo 0461.491233 o 0461.491200.

Link al Comunicato PAT

Tags: