Posts Taggati ‘economia e attività produttive’

Il grazie della Giunta provinciale al presidente uscente di Trentino Sviluppo Flavio Tosi

Comunicato 1728 del 13/07/2018

Trentino sviluppo in questi cinque anni è profondamente cambiata. Il merito di questa trasformazione – come riconosciuto stamani dall’intera Giunta provinciale – va anche a Flavio Tosi, il suo presidente uscente. A Tosi la Giunta, riunita nella sua tradizionale seduta del venerdì, ha espresso un sincero “grazie, per un impegno che ha consentito di dare risposte soddisfacenti alle richieste del Trentino in un momento difficile per la sua economia – ha sottolineato il presidente Ugo Rossi – . Il nostro quindi è un ringraziamento non rituale, che guarda alla sostanza di un lavoro ben fatto, da cui sono arrivati risultati concreti”. “A dirlo – ha rimarcato il vicepresidente e assessore allo sviluppo economico e lavoro Alessandro Olivi – lo dicono oggi innanzitutto le imprese. Del resto, avere un imprenditore alla guida di una società che ha proprio nelle imprese i suoi principali ‘clienti’ crediamo sia stato un fatto e non secondario. Trentino Sviluppo in questi ha diversificato le sue attività e ha avuto il coraggio di percorrere strade nuove, ma evitando gli eccessi dell’utopismo. Con le istituzioni il presidente Tosi si è dimostrato un interlocutore leale e capace ma non accondiscendente, che ha apportato un contributo pieno, creativo, all’operato della società”. L’assessore al turismo Michele Dallapiccola dal canto suo ha ricordato l’oggettiva situazione di difficoltà finanziaria in cui versavano molte realtà del settore turistico ad inizio legislatura e i grandi cambiamenti avvenuti da allora. “A partire dalla distinzione fra stazioni di interesse locale e di mercato la situazione è rapidamente migliorata – ha detto – oggi la generalità delle stazioni si è riportata in equilibrio e a volte ha registrato anche ottime performances. Ma si è lavorato molto bene anche su un altro versante, quello della conciliazione fra le esigenze dell’ambiente e quelle dell’economia”. Il presidente Tosi, al quale la Giunta ha consegnato la targa lignea di Mastrosette con il simbolo delle montagne trentine, nel ringraziare a sua volta il presidente Rossi e i suoi assessori ha sottolineato innanzitutto come il lavoro fatto sia stato un lavoro di squadra, e che se è stato possibile raggiungere certi risultati lo si deve all’impegno di tante persone che in questi anni non si sono risparmiate, persone che “come imprenditore privato prenderei immediatamente con me. All’inizio del mio impegno – ha aggiunto – avevo innanzitutto ricevuto il mandato di conoscere il panorama imprenditoriale e le sue esigenze, per poter lavorare con cognizione di causa al raggiungimento dei due obiettivi che erano stati affidati a Trentino Sviluppo: creare lavoro e sviluppo. I risultati raggiunti sono testimoniati dal cambiamento di atteggiamento da parte delle imprese stesse. Se in passato la società era considerata una sorta di ‘pronto soccorso delle aziende in difficoltà’, oggi, per usare un’altra metafora, è un presidio di medicina sportiva, che prende in carico soggetti già forti e li trasforma in campioni, e questo sia sul versante industriale che del turismo. Oggi un’azienda che utilizza i servizi di Trentino Sviluppo è orgogliosa di farlo perché i servizi che offriamo sono sinonimo di qualità, capacità competitiva, propensione all’innovazione”.

Link al Comunicato PAT

Assestamento di bilancio 2018

Vorrei ringraziare tutti coloro che ieri sera hanno trovato il tempo per parlare assieme a me di politica. Abbiamo cercato di partire da alcuni dati oggettivi, per incrociare le performance della nostra amministrazione provinciale con la percezione ed il punto di vista dei cittadini.

L’economia è tornata a crescere, tutti gli indicatori sono positivi; anche l’occupazione è in crescita ed il tasso di disoccupazione è appena più alto di uno standard che possiamo definire fisiologico. Questi risultati, importantissimi, sono dovuti al cambiamento della congiuntura economica, ora favorevole, ed alle politiche messe in campo dall’esecutivo provinciale in questi anni.

Cos’è l’assestamento di bilancio? Diciamo semplicemente che a metà anno si rifanno i conti in base alle previsioni di crescita che, essendo migliori di quanto previsto l’anno scorso, ci consentono di mettere sul piatto risorse aggiuntive per gli anni da qui al 2020. Abbiamo stimato la previsione di crescita all’1,9%, ma quasi certamente raggiungeremo il 2%. Sommando gli ultimi 5 anni, arriviamo ad un 5%, risultato che non ha quasi eguali in Italia. Va precisato che possiamo investire risorse aggiuntive, per un totale di circa 480 milioni di euro, non perché le abbiamo tenute da parte in questi anni, ma perché l’economia va meglio e le entrate del bilancio sono cresciute, quindi possiamo attuare nuovi investimenti. Abbiamo così previsto politiche diversificate, che riporto a seguire, molto sinteticamente. Potete comunque trovare tutti i riferimenti di contesto ed i dettagli degli investimenti nelle slide allegate in fondo alla pagina.

Abbiamo innanzitutto voluto confermare gli sconti fiscali per le imprese in ambito IRAP e IMIS, che comportano circa 200 milioni di euro di minori entrate per il bilancio provinciale, che abbiamo invece mantenuto a vantaggio delle imprese per dare maggiore spinta alla ripresa economica complessiva. Tra le altre cose, abbiamo anche aumentato del 47% i pagamenti alle imprese nei primi 3 mesi, proprio per incentivare ulteriormente l’imprenditoria e le attività produttive.

Gli investimenti pubblici risultano attualmente più alti anche rispetto all’Alto Adige, e abbiamo puntato con decisione alla diminuzione sia della disoccupazione che dell’inattività. Abbiamo inoltre considerato il tema, importantissimo, della qualità dell’occupazione. Ad esempio, in questa legislatura abbiamo stabilizzato complessivamente circa 1000 docenti, che ora hanno dunque un contratto a tempo indeterminato, e vogliamo fare lo stesso anche in altri settori del comparto pubblico, di concerto con i sindacati, in una logica di maggiore flessibilità delle persone che vengono stabilizzate per una maggiore qualità dei servizi offerti ai cittadini. In questi anni abbiamo attuato un sostanziale dimagrimento della P.A., cercando anche di risparmiare in un momento di difficoltà ed ora possiamo destinare risorse rilevanti alle stabilizzazioni.

Abbiamo altresì necessità di una crescita dell’occupazione femminile che, a dispetto di quanto si possa pensare, va di pari passo con l’aumento della natalità, ovviamente a condizione che ci siano lavori stabili e servizi adeguati di sostegno alla maternità. Dobbiamo cercare di far salire il nostro tasso di natalità: per questo abbiamo mantenuto tutte le misure, complessivamente per circa 250 milioni di euro, a vantaggio della famiglia, della maternità e del contrasto alla povertà. Abbiamo anche rinforzato le politiche per la casa, come ITEA e social housing, nonché tutti i servizi, come domiciliarità e co-housing, per i nostri anziani.

Contiamo molto sul turismo, che in questi anni ha raggiunto risultati straordinari, e abbiamo attuato anche importanti investimenti sui trasporti e sulla mobilità, aumentando la spesa corrente per ottenere al tempo stesso maggiori servizi e maggiore occupazione. Lo scopo è di giungere ad un collegamento cadenzato in ogni valle, fisso e sicuro, per trasferire quote di traffico dall’auto al mezzo pubblico, ma anche per incentivare un turismo più sostenibile. Nell’ottica della sostenibilità, non solo ambientale, si colloca anche l’obiettivo di diminuire del 36% il traffico su gomma dei tir, dotando l’interporto di maggiori strutture, rendendolo così più competitivo ed efficiente.

Infine, abbiamo valorizzato un confronto schietto con i territori confinanti: ad esempio, ora non si parla più di Valdastico. Non avendo un diritto di veto sul tema, ci siamo seduti ad un tavolo con i rappresentanti del Veneto e dello Stato ed abbiamo cercato di cambiare la prospettiva della questione, riconducendola ad un’ottica che fosse favorevole anche per il Trentino, ponendo alcune richieste: che il costo economico non ricadesse sulla nostra Provincia, che risolvesse anche parte dei nostri problemi di traffico pesante ed in generale di mobilità, soddisfacendo le istanze delle comunità coinvolte che andavano giustamente ascoltate, ed infine che includesse anche l’elettrificazione della linea della Valsugana.

Questi sono solo alcuni punti principali. Maggiori dettagli li potete trovare in queste slide.

20 anni di attività per la Karl Mayer Rotal di Mezzolombardo

Comunicato 1669 del 06/07/2018

Il presidente Rossi: “Piedi e testa piantati qui, ma capacità di confrontarsi con il mondo”

Azienda leader nella produzione di macchine tessili, con oltre 100 dipendenti e un fatturato di 65 milioni di euro, la Karl Mayer Rotal di Mezzolombardo ha festeggiato oggi i suoi primi 20 anni di attività. Un’occasione per presentare una tecnologia innovativa per la tintura indaco, che riduce notevolmente l’impiego di acqua e di agenti chimici, in grado di sviluppare un tessuto ecosostenibile. “Qui abbiamo un’impresa familiare che ha saputo valorizzarsi nell’ambito di un gruppo che opera in un contesto globale, ma che mantiene sul territorio la testa e la governance dell’azienda – ha detto il presidente della Provincia, Ugo Rossi, visitando la fabbrica, accompagnato dall’amministratore delegato Enzo Paoli. Inoltre – ha evidenziato Rossi – hanno iniziato a sviluppare attività di ricerca, puntando sull’innovazione. Stanno dunque operando dentro la traiettoria che le imprese trentine debbono perseguire per competere sul mercato. Piedi e testa piantati qui, ma capacità di confrontarsi con il mondo. Un’eccellenza, dunque, della nostra imprenditoria e una risorsa importante per la Rotaliana e per l’intero Trentino”.

Link al Comunicato PAT

Assestamento di bilancio da 484 milioni, via libera dalla Giunta provinciale

Comunicato 1610 del 29/06/2018

Approvati inoltre il rendiconto 2017 e il Documento di economia e finanza provinciale (DEFP)

Sono 484 milioni di euro le risorse che l’assestamento di bilancio, oggi approvato dalla Giunta provinciale su proposta del Governatore del Trentino Ugo Rossi, mette a disposizione per il triennio 2018-2020 per sostenere le imprese e le famiglie, attraverso strumenti come le agevolazioni fiscali, i buoni di servizio per la conciliazione famiglia-lavoro, gli incentivi per l’acquisto della prima casa, la revisione dell’ICEF, nuove risorse e maggiore flessibiltà per Comuni e Comunità, stabilizzazioni per il comparto pubblico. La manovra pone inoltre le basi per un Trentino sempre più collegato sia da un punto di vista dei trasporti pubblici, grazie al piano di autobus cadenzato, che della rete “a banda stretta” portata avanti dal progetto “Smart territory”. Un assestamento che ha avuto come base di partenza dati che mettono in luce una ripresa economica robusta e strutturale, registrata sia in termini di crescita del Pil che di occupazione, che hanno così permesso di immettere nel sistema nuove risorse per consolidare la ripresa economica. Ripresa confermata anche dai dati contenuti nel Documento di economia e finanza provinciale (DEFP) 2018 approvato sempre oggi dalla Giunta provinciale insieme al rendiconto generale della Provincia per l’esercizio finanziario 2017, ieri parificato dalla Corte dei Conti.

Link al Comunicato PAT