Rossi: “Qui un esercizio ambizioso e responsabile dell’Autonomia”

Comunicato 1066 del 28/05/2016

Inaugurato a Trento il nuovo studentato NEST

nest

Aperto già da un anno, è stato inaugurato oggi ufficialmente NEST, il nuovo studentato di Trento, una realtà che si propone di attivare sinergie sempre più forti e durevoli con il mondo universitario ed il territorio, gestito dalla Cooperativa Il Faggio, da anni punto di riferimento per l’ospitalità in Trentino di giovani e docentI. “Ci aiutate a tenere alta – ha detto il presidente della Provincia Ugo Rossi, intervenendo all’inaugurazione – la nostra vocazione all’eccellenza e rappresentate un esempio di come la nostra Autonomia possa essere responsabile e ambiziosa. Responsabile perché questa struttura testimonia un uso responsabile delle risorse, votato alla qualità e responsabile anche perché utile al Paese. Qui, infatti, arrivano studenti da tutta Italia che, ci auguriamo, potranno avere l’ambizione di diventare la futura classe dirigente del nostro Paese. Il Trentino – ha detto ancora Rossi – vuole essere un luogo di crescita, tema che sarà al centro del prossimo festival dell’Economia, e lo sarà se saprà coltivare l’ambizione di essere in presa diretta con le dinamiche del mondo, restando però se stesso, come gli studenti che abbiamo ascoltato oggi, che rappresentano per tutti noi – ha concluso Rossi – un’iniezione di fiducia”. All’inaugurazione hanno partecipato anche il rettore dell’Università Paolo Collini, il sindaco di Trento Alessandro Andreatta e il vescovo monsignor Lauro Tisi. Attivo da settembre 2015, lo studentato si ispira al modello dei collegi d’eccellenza che sviluppano le proprie funzioni attorno all’offerta abitativa accompagnata a un progetto di formazione umana, accademica e professionale. In questo primo anno di vita NEST ha saputo accogliere 187 studenti, raggiungendo quindi la quasi capienza massima (190 posti) e rendendosi interlocutore attivo nel contesto già d’eccellenza dell’Università di Trento. “In Italia – ha sottolineato il direttore della struttura, Luca Nicolli, – sono 47 le residenze universitarie di questo tipo e molte di esse hanno raggiunto livelli di vera eccellenza nella proposta di servizi formativi integrativi all’Università. Molti di questi servizi l’Ateneo di Trento già li offre con grande efficacia. È stato ancora più interessante allora rielaborare l’esperienza dei collegi d’eccellenza per creare un progetto formativo veramente all’avanguardia, che apre importanti fronti di interazione tra mondo universitario e territorio”. La struttura di via Solteri può contare su uno spazio in grado di accogliere fino a 200 studenti, di cui 190 effettivi da subito. Sviluppata su quattro piani, NEST si articola in un piano dedicato ai servizi che accoglie la cucina, la sala da pranzo, la lavanderia, il garage, la palestra, e uno spazio cucina autogestito; e di un piano per studio con una sala polifunzionale con 200 posti a sedere, una sala tv/relax, sale studio di dimensioni ridotte per garantire una buona concentrazione, una zona uffici, una biblioteca, un’aula corsi e studio e un giardino esterno. I quattro piani nelle quali sono situate le stanze e le zone studio e relax offrono complessivamente 88 stanze singole e 56 stanze doppie, realizzate in modo da garantire rispettivamente una superficie superiore ai 17 e ai 20 metri quadri. Ogni stanza è dotata di bagno privato, comodino – libreria, armadio guardaroba, angolo studio con scrittoio, sedia, libreria pensile, luce dedicata. Gli arredi sono realizzati in multistrato di betulla, riducendo al minimo ogni tipo di sostanza tossica. NEST è dotato di un servizio di informazioni e presidio attivo 24 ore su 24.

Link al Comunicato PAT

Tags: