banner_ultimo

Twitter

Foto

Foto

Inaugurazione studentato a Camerino

Video

Video

Facebook

mattarella_hp

NUOVO PSR, MAGGIORI RISORSE PER L’AGRICOLTURA DI MONTAGNA

COMUNICATO nr. 67 del 16/01/14

Approvato a Roma il riparto regionale: al Trentino 301,5 milioni nel prossimo settennio. La soddisfazione di Rossi e Dallapiccola

Il formale riconoscimento nella nuova PAC 2014-2020 da parte della Commissione e del Parlamento europei del valore e delle peculiarità dell’agricoltura di montagna ha trovato conferma oggi a Roma nell’approvazione da parte della Conferenza delle Regioni del riparto dei Fondi europei per lo sviluppo rurale 2014-2020, un nuovo modello di suddivisione delle risorse che premia il Trentino con 31,5 milioni di euro in più per il Piano di sviluppo rurale, al quale si aggiungono altri 3,5 milioni derivanti dalla riduzione della compartecipazione provinciale dai 54,5 milioni del settennio precedente 2007-2013 ai 51 milioni che Trento metterà a disposizione nel periodo della prossima programmazione 2014-2020 della PAC. Soddisfazione da parte del presidente della Provincia Ugo Rossi e dell’assessore all’agricoltura Michele Dallapiccola.

Link al Comunicato PAT

L’ASSEMBLEA ANNUALE DELLA FEDERAZIONE PROVINCIALE SCUOLE MATERNE DI TRENTO

COMUNICATO nr. 66 del 16/01/14

Si terrà domenica 19 gennaio alle Cantine Ferrari di Ravina, interverrà il presidente Ugo Rossi

Domenica 19 gennaio alle 9.30 presso la Sala Convegni delle Cantine Ferrari di Ravina di Trento si terrà l’assemblea annuale della Federazione provinciale Scuole materne di Trento sul tema “Un bilancio sul futuro. Costruire trasparenza e tangibilità della propria responsabilità e della propria azione educativa”. All’assemblea parteciperà il presidente della Provincia autonoma di Trento, Ugo Rossi assieme alla dirigente generale del Dipartimento cultura, turismo, promozione e sport, Livia Ferrario.

Link al Comunicato PAT

Perché Vespa ha torto

«Dimostrare con i fatti di governare bene», scrive su l’Adige il direttore Pierangelo Giovanetti, riferendosi al nuovo attacco all’Autonomia portato questa volta dalla trasmissione televisiva «Porta a Porta»; un ragionamento che condivido, come dirò fra qualche istante, anche confrontando la realtà trentina con altre di questo Paese. Ribadendo però un principio di fondo: l’Autonomia è, in primo luogo, la maturazione di un percorso storico secolare, nella povertà del passato e nel benessere odierno, un percorso lungo il quale è maturata la capacità dei trentini di fare, anziché semplicemente di chiedere, di decidere in prima persona ciò che è bene per la propria comunità, anziché delegare ad altri. E assumendosi naturalmente tutta la responsabilità di queste decisioni.

Come si colloca questa vocazione all’autogoverno, questa spinta insopprimibile al fare da sé, nel contesto nazionale? Quale significato conserva, oggi, nel quadro di un mondo globalizzato, dove le frontiere sono scomparse o si sono fatte invisibili? Cominciamo col dire che, fino a prova contraria, la principale ricchezza dell’Italia è la straordinaria varietà e vitalità dei suoi territori. Per cogliere e far crescere questa ricchezza è necessario saper distinguere quello che va bene da quello che non va bene. Cavalcare acriticamente gli umori di giornata, o fare di tutte le erbe un fascio non serve a nessuno.

Leggi tutto

IL PRESIDENTE ROSSI: SULLA CRIMINALITA’ TENERE ALTA L’ATTENZIONE

COMUNICATO nr. 52 del 15/01/14

“Siamo preoccupati per gli ultimi eventi criminosi che hanno avuto luogo in Trentino e siamo vicini a coloro che ne sono stati più direttamente coinvolti, cittadini e operatori degli esercizi commerciali presi d’assalto da gruppi di malviventi. Siamo inoltre riconoscenti alle forze dell’ordine per il loro operato, che ha fatto registrare anche risultati positivi, da ultimo l’arresto dei presunti responsabili di una serie di furti negli appartamenti avvenuti fra la collina di Trento e il Perginese. La Provincia autonoma di Trento rinnova la sua disponibilità a consolidare ulteriormente i rapporti di collaborazione con i responsabili della sicurezza, per contrastare fenomeni forse anche arcuiti dalla crisi generale che tutti stiamo vivendo ma che non devono essere in alcun modo sottovalutati”. Con queste parole il presidente della Provincia autonoma di Trento Ugo Rossi ha commentato stamani i recenti fatti di cronaca nera riportati con grande evidenza anche dagli organi di informazione, in particolare gli assalti al centro Mercatone Uno di San Michele all’Adige e al negozio Prenatal di Trento. Il presidente Rossi si è anche brevemente intrattenuto a colloquio con il Commissario del Governo. “Venerdì – spiega ancora Rossi – porteremo il tema all’attenzione della Giunta provinciale, nella prospettiva di contribuire a migliorare e se necessario a rafforzare le misure di prevenzione della devianza e della criminalità. Dobbiamo tenere alta l’attenzione e assicurare ai cittadini di poter continuare a vivere serenamente in una terra che rimane comunque molto meno colpita dal crimine, in tutti i suoi aspetti, della media nazionale. Riprenderemo infine questi ragionamenti anche in occasione della festa provinciale della polizia locale, prevista per lunedì 20 gennaio a Cavalese”.

Link al Comunicato PAT

bottom bottom bottom