banner_ultimo

Twitter

Foto

Foto

Video

Video

Incontro al Muse 1 dicembre 2017

mattarella_hp

Turismo: nel 2017 l’estate dei record

Comunicato 3230 del 30/11/2017

Oltre 9 milioni e mezzo di pernottamenti, il risultato migliore di sempre

“Un risultato davvero importante, che premia l’impegno e la passione con cui lavorano gli operatori del settore, che ci permette di guardare con rinnovata fiducia al futuro”. Con queste parole il presidente della Provincia Ugo Rossi e l’assessore Michele Dallapiccola, commentano gli ultimi dati sull’andamento degli arrivi e delle presenze in Trentino nell’estate 2017, pubblicati oggi sul sito di Ispat, l’Istituto di statistica della Provincia. “I numeri confermano – dicono Rossi e Dallapiccola – che la strada intrapresa è quella giusta. Il Trentino deve ambire ad un modello di turismo a qualità globale, attento al rispetto dell’ambiente e dinamico nell’evolversi, seguendo i paradigmi dell’innovazione e della modernità”. Gli arrivi in Trentino – nella stagione estiva 2017 – negli esercizi alberghieri e complementari sono cresciuti dell’8,8% e le presenze del 7,2% rispetto all’estate 2016. In valore assoluto si tratta di oltre 9 milioni e mezzo di pernottamenti, il miglior risultato di sempre. Il settore alberghiero evidenzia un aumento del 6,9% negli arrivi e del 5,4% nelle presenze. Questo risultato è stato raggiunto grazie, in particolare, alla componente italiana. La crescita è ancora più marcata negli esercizi complementari, scelti in prevalenza dagli stranieri, con gli arrivi che fanno segnare un incremento del 13,5% e le presenze del 10,7%. Le presenze negli esercizi complementari risultano in crescita in tutte le tipologie di strutture: ottimi risultati si registrano, in particolare, per i Campeggi (+9,1%) e le Case e appartamenti per vacanza (+10,8%) che, insieme, totalizzano oltre il 67% delle presenze del comparto. I lombardi e poi i veneti sono quelli che fanno registrare il maggior numero di pernottamenti nel complesso delle strutture ricettive del Trentino con oltre 2 milioni e mezzo di presenze. Il mercato tedesco si conferma come prima provenienza straniera nel periodo estivo, seguito da Paesi Bassi ed Austria. Nella stagione estiva 2017 gli italiani hanno preferito maggiormente le località di montagna, mentre gli stranieri hanno scelto anche la città ed i laghi. Il Garda si conferma come meta straniera per eccellenza. Gli alberghi aperti nella stagione estiva sono stati 1.485 con una disponibilità di oltre 91.000 letti; il 52% dei letti viene offerto dalla categoria tre stelle. Il grado di utilizzo delle strutture alberghiere è risultato pari al 65%; il valore più elevato è stato registrato nella categoria quattro stelle (80%). La permanenza media più lunga si rileva negli alberghi a 4 stelle superior e 5 stelle con 4,6 giorni, rispetto ad una media provinciale che si attesta sui 4,2 giorni.

Link al Comunicato PAT

#PUP50: la diretta streaming su sito e Facebook della Provincia

Comunicato 3227 del 30/11/2017

Appuntamento domani al Muse di Trento alle ore 17 con i presidenti Rossi, Kompatscher e l’assessore Daldoss

La serata conclusiva dell’iniziativa #PUP50, il ciclo di incontri organizzato sul territorio a cinquant’anni dal varo del primo Piano urbanistico provinciale, sarà trasmessa anche in streaming sul sito (https://www.ufficiostampa.provincia.tn.it/Streaming) e sulla pagina Facebook della Provincia autonoma di Trento (@provincia.autonoma.trento). L’incontro, dal titolo “Anticipiamo il futuro: un nuovo quadro per lo sviluppo territoriale”, è in programma per domani, venerdì 1 dicembre, al Muse-Museo della scienza di Trento, alle 17. Sarà l’occasione per fare il punto su un dibattito che, nelle scorse settimane, ha coinvolto i principali attori dello sviluppo territoriale e centinaia di cittadini, che a partire dalle scelte pionieristiche fatte nel 1967 si sono interrogati suoi possibili percorsi del Trentino di domani, in ambiti che vanno dal turismo all’industria, dall’ambiente all’agricoltura. Alla serata parteciperanno il governatore del Trentino Ugo Rossi assieme all’assessore all’urbanistica Carlo Daldoss. Ospite della serata il presidente della provincia autonoma di Bolzano Arno Kompatscher.

Link al Comunicato PAT

#PUP50: incontro conclusivo venerdì 1° dicembre

Comunicato 3211 del 29/11/2017

Appuntamento al Muse con il governatore Rossi assieme al presidente altoatesino Kompatscher e all’assessore Daldoss

“Anticipiamo il futuro: un nuovo quadro per lo sviluppo territoriale”. E’ il tema della serata conclusiva dell’iniziativa #PUP50 il ciclo di incontri organizzato sul territorio a cinquant’anni dal varo del primo Piano urbanistico provinciale, quello voluto dall’allora presidente della Provincia Bruno Kessler. Il 1 dicembre, al Muse-Museo della scienza, alle 17, si tireranno le somme di un dibattito che, nelle scorse settimane, ha coinvolto i principali attori dello sviluppo territoriale e centinaia di cittadini, che a partire dalle scelte pionieristiche fatte nel 1967 si sono interrogati suoi possibili percorsi del Trentino di domani, in ambiti che vanno dal turismo all’industria, dall’ambiente all’agricoltura. Al Muse il “piccolo Trentino nella grande Europa” proverà a delineare un nuovo quadro per lo sviluppo territoriale, che comprende anche l’Alto Adige e l’Euregio. A farlo sarà il governatore del Trentino Ugo Rossi assieme all’assessore all’urbanistica e ambiente Carlo Daldoss. Ospite della serata il presidente della provincia autonoma di Bolzano Arno Kompatscher. L’evento sarà trasmesso in diretta streaming sul sito: https://www.ufficiostampa.provincia.tn.it/Streaming.

Link al Comunicato PAT

Concessioni idroelettriche: la competenza alle Province autonome di Trento e Bolzano

Comunicato 3206 del 29/11/2017

Presidente Rossi “E’ un risultato storico per la nostra Autonomia, un ulteriore passo avanti in termini di sviluppo e crescita”

“Si tratta di un risultato storico per la nostra Autonomia, un ulteriore passo avanti in termini di sviluppo e crescita del nostro sistema che ci permetterà di proporre politiche innovative in un ambito molto significativo per quanto riguarda lo sviluppo del sistema economico e il rispetto dell’ambiente” con queste parole il presidente della Provincia autonoma di Trento Ugo Rossi commenta l’intesa tra le Province di Trento e Bolzano e il Governo sulla modifica dell’articolo 13 dello Statuto di Autonomia, la norma che disciplina le concessioni per grandi derivazioni a scopo idroelettrico. L’Intesa, oggi approvata dalla Giunta provinciale come previsto dall’art. 104 dello Statuto, consentirà l’inserimento nella legge di Bilancio statale della nuova disciplina che prevede e potenzia la competenza delle Province a legiferare, nel quadro dell’ordinamento dell’Unione europea e dei principi della legislazione nazionale, su modalità, procedure e criteri per l’assegnazione delle concessioni idroelettriche. In base alla nuova norma statutaria viene rafforzato il ruolo delle province e dei comuni anche in termini di ricaduta delle risorse finanziarie derivanti dalle concessioni idroelettriche. L’accordo ribadisce inoltre per i concessionari l’obbligo di cessione alle due Province di una parte di energia che potrà essere destinata a categorie di utenti o per misure di compensazione ambientale. E’ stato inoltre stabilito che le concessioni in scadenza prima del 2022 saranno prorogate fino a tale data per consentire la preparazione dei bandi di gara in base alla disciplina provinciale. Infine è stato fissato anche il principio secondo il quale l’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico dovrà previamente consultare le due Province sugli atti concernenti il servizio idrico, al fine di tutelare le competenze provinciali in questa materia.

Link al Comunicato PAT

bottom bottom bottom