Inaugurati i cento presepi artigianali di Ossana: la magia del Natale arriva in Val di Sole

Comunicato 2526 del 27/11/2016

presepi

Si aggiunge un tassello alla ricca offerta turistica natalizia del Trentino con il borgo dei cento presepi di Ossana. Il presidente della Provincia Autonoma di Trento ha partecipato oggi, alle 16, al taglio del nastro della diciassettesima edizione di “Presepi e Musica”, la manifestazione che fino all’8 gennaio cala il centro solandro nell’atmosfera magica del Natale. Il suggestivo percorso alla scoperta della Natività parte dalle mura di Castel San Michele e si snoda lungo le stradine e i vicoli di Ossana. Un ‘filo rosso’ guida i turisti lungo il percorso. I cento presepi artigianali in mostra sono stati realizzati manualmente da abitanti, artisti, scuole e associazioni volontariato di Ossana e dell’intera Val di Sole con materiali particolari e ricercati, con l’obiettivo di regalare al visitatore un percorso emozionante. La manifestazione si completa con concerti, mercatini, degustazioni gastronomiche, eventi per bambini e altre iniziative dedicate al Natale. Completa l’offerta il nuovo presepe appositamente realizzato in occasione dei 60 anni dal disastro aereo del Monte Giner, avvenuto il 22 dicembre 1956 in località Pale Perse a quota 2.600 metri nel territorio di Ossana: alcuni dei parenti delle vittime erano presenti all’inaugurazione. “I Presepi sono diventati ormai un appuntamento fisso dell’offerta turistica trentina e della Val di Sole, pronti per qualità e bellezza ad uscire dal territorio. Grazie a tutti i volontari e alle persone che hanno lavorato e si sono impegnati in questo progetto, e grazie all’amministrazione comunale che ci ha sempre creduto. La scommessa, in questo luogo dove abbiamo investito risorse, anche per il restauro del Castello, è stata vinta e a vincere è stata una comunità che vive e sviluppa relazioni in un territorio luogo di aggregazione e cultura, e che sa fare sistema”, ha dichiarato il Presidente della Provincia autonoma di Trento.

Link al Comunicato PAT

Tags: