Archivia per Agosto, 2018

Moena e Soraga, cinque milioni per contributi e indennizzi a privati e imprese

Comunicato 1865 del 01/07/2018

La Giunta ha deciso oggi criteri e modalità

Sono cinque i milioni di euro a disposizione per sostenere chi, a Moena e Soraga, ha subito danni a causa del maltempo che il 3 luglio scorso ha colpito duramente la Val di Fassa. Con un provvedimento adottato dalla Giunta provinciale, e proposto di concerto dal presidente Ugo Rossi e dall’assessore alla Protezione civile Tiziano Mellarini, sono stati decisi criteri e modalità per la concessione di contributi e indennizzi e anche i tempi per la presentazione delle domande. “Possiamo proprio dire – ha sottolineato il presidente Ugo Rossi – che il Trentino ha fatto in fretta e bene, sia nella gestione dell’emergenza che in seguito. Nel giro di pochi giorni i paesi colpiti sono tornati ad essere belli e accoglienti come prima, grazie alla consueta generosità e efficienza del nostro sistema di Protezione civile. Già il 6 luglio la Giunta provinciale aveva dichiarato la sussistenza dello stato di calamità, necessaria in vista degli interventi di ripristino e ricostruzione. Ora, dopo una prima valutazione dei danni, si apre la fase degli indennizzi per ristorare chi è stato danneggiato”. I contributi e gli indennizzi, per i cittadini e le attività economiche, determinati con valutazioni di equità, serviranno per sostenere le spese sostenute per il ripristino e la riparazione dei danni arrecati a svariate tipologie di beni e attività, quali i veicoli (autovetture, motocicli, etc,), le abitazioni e loro pertinenze (cantine, accessi, etc.), compresi gli impianti e i lavori di sgombero, gli arredi e le attrezzature principali. Per le attività economiche e di lavoro autonomo oltre ai danni fisici alle strutture, mezzi e attrezzature saranno considerati i danni economici connessi a sospensioni dell’attività superiori ai 7 giorni o riduzioni significative dei ricavi di almeno il 20% con riferimento alle gestioni pregresse o, in caso di nuove attività, al piano finanziario. La presentazione delle domande per l’ottenimento dei contributi e indennizzi previsti, dovrà avvenire entro i seguenti termini: entro 60 giorni a decorrere dal 10 agosto per quanto riguarda i danni ai veicoli; entro 120 giorni a decorrere dal 10 agosto per quanto riguarda le altre tipologie di danno. Le strutture organizzative della Provincia a cui vanno indirizzate le domande sono: il Servizio prevenzione rischi, per quanto attiene le domande sui veicoli e gli immobili adibiti ad abitazione e pertinenze; l’Agenzia provinciale per gli incentivi alle attività economiche (APIAE), per quanto attiene le domande sui danni alle attività economiche e di lavoro autonomo. Le domande potranno essere presentate tramite gli uffici periferici della Provincia o utilizzando il mezzo postale e la posta elettronica. Entro il 9 agosto i dirigenti delle due strutture provinciali predisporranno la modulistica necessaria che sarà disponibile sul sito istituzionale della Provincia. Nel pomeriggio del 3 luglio scorso la val di Fassa è stata interessata da un fenomeno meteorologico di particolare intensità, e considerato raro tenuto conto della serie storica dei dati a disposizione. Grandine e pioggia hanno determinato in particolare un’alluvione lampo in una parte dell’abitato di Moena, lungo il torrente Costalunga, e altri danni nel comune di Soraga. Presso la stazione meteorologica di Pezzè di Moena nell’arco di tre ore, dalle 14 alle 17, è stata rilevata una quantità di pioggia pari a 114 millimetri e nell’arco di quattro ore, dalle 14 alle 18, pari a 134,6 millimetri. La zona più colpita è stata l’abitato di Moena, in prossimità delle rive del rio Costalunga, che è esondato.

Link al Comunicato PAT

Tanti premi ai ragazzi e alle ragazze dello Ski Jumping Festival di Pellizzano

Comunicato 1842 del 29/07/2018

Il gruppo sportivo Monte Giner ha festeggiato i 40 anni con il governatore Ugo Rossi

Tanti premi oggi a Pellizzano per i ragazzi e le ragzze che hanno partecipato alla due giorni dello Ski Jumping Festival. Ma soprattutto tanta soddisfazione da parte dell gruppo sportivo Monte Giner, che in questo modo ha voluto festeggiare i suoi 40 anni. E sono stati 40 anni ben spesi, al servizio di un’idea di sport che combina la giusta tensione agonistica al “fare comunità”, anche aprendo il territorio ai contatti con l’esterno, come solo la pratica sportiva sa fare. Non a caso anche questo Quinto trofeo Kolzer, valido per la Coppa Italia e per i prossimi internazionali giovanili, ha visto la partecipazione di atleti provenienti dai vari centri del Friuli, dell’Alto Adige e naturalmente del Trentino, ma anche di rappresentative di Austria e Germania. Ma ciò che conta, al di là dei pur importanti risultati agonistici, è la voglia di fare, di mettersi in gioco, di misusarsi con gli altri o, nel caso dei tanti volontari che hanno reso possibile questa manifestazione, per gli altri. Lo ha ricordato anche il governatore del Trentino Ugo Rossi, intervenuto alle premiazioni finali, nel consegnare un riconoscimento a Massimino Bezzi, vera anima del gruppo sportivo Monte Giner. Assieme a lui, premiati per il loro impegno Sandro Pertile, Angelo Tomaselli, Giulio Bezzi. L’importante manifestazione sportiva, giunta alla sua quinta edizione, è dunque innanzitutto un omaggio ai tanti volontari e giovani che si sono impegnati a tenere vivo l’interesse per questa disciplina che ormai vede nel paese di Pellizzano, in valle di Sole, uno dei centri più quotati a livello nazionale. Nella giornata di ieri – sabato 28 – si sono disputate le prove di salto per le categorie Under 10, Under 12 ed Under 14 dai trampolini HS21 ed HS38. A seguire la gara di cross, valida per la combinata, dove gli Under 10 si sono sfidati su un circuito di 1.200 metri, mentre gli Under 12 ed Under 14 hanno percorso, rispettivamente, una distanza di 1.500 e 2.700 metri. La giornata di oggi invece ha visto disputare la gara di salto speciale con le stesse modalità della prima giornata. Tra i partner che hanno contribuito all’organizzazione dell’evento Trentino Marketing, l’APT della Val di Sole, i comuni di Pellizzano ed Ossana, la Comunità della Val di Sole, la Pro Loco di Pellizzano e la ditta Kolzer.

Link al Comunicato PAT

Al passo del Tonale il 55esimo pellegrinaggio degli Alpini

Comunicato 1841 del 29/07/2018

Il governatore Rossi: “Oggi siamo chiamati a scegliere la pace”

Folla stamani al passo del Tonale per il 55esimo pellegrinaggio dell’Ana-associazione nazionale alpini, dopo la cerimonia tenutasi ieri sul ghiacciaio dell’Adamello, presso l’ Altare del Papa, dedicata come sempre a tutti i caduti della Grande guerra. Nato nel 1963 per iniziativa delle Penne Nere di Trento e Vallecamonica, il pellegrinaggio di quest’anno, nel centenario della fine della Prima guerra mondiale, e’ dedicato ” al soldato ignoto dell’Adamello”, qualsiasi fosse la divisa indossata. Una cerimonia sentita e toccante, dunque, quella del Tonale, fatta di gesti di grande importanza simbolica – la sfilata delle colonne alpine fino ai piedi del Sacrario ai caduti, l’alzabandiera, l’esposizione dei labari, la deposizione delle corone – ma anche di parole. “Cento anni fa – ha detto il presidente Ugo Rossi – qui sono caduti tanti giovani che si erano combattuti non per loro scelta, ma per scelta di chi pensava che le divergenze e i conflitti potessero essere risolti con la guerra, le trincee, i reticolati. Oggi, noi, qui, con gli alpini e i kaiserjager, nel ricordo di tutte le vittime, indipendentemente dalla divisa indossata, siamo chiamati a fare una scelta chiara. Ed e’ la scelta di essere vicini a chi ha bisogno, di non voltarci dall’altra parte, di costruire la pace, il dialogo, la riconciliazione, guardando al futuro”. Parole e concetti ripresi anche negli altri discorsi ufficiali, fra cui quello della sindaca di Vermiglio Anna Panizza, del presidente della sezione Ana di Trento Maurizio Pinamonti, del presidente dell’Ana nazionale Sebastiano Favero. Data l’importanza dell’appuntamento, la Sezione Ana di Trento e la Provincia autonoma di Trento hanno invitato all’appuntamento anche tutti i rappresentanti delle Nazioni un tempo belligeranti. Secondo l’alternanza che si propone ogni anno, l’edizione 2018 e’ stata organizzata dalla sezione di Trento, e prevedeva la salita fino all’altare del Papa sulla Lobbia Alta per la santa messa celebrata dai Cardinali Giovanni Battista Re e Walter Kasper e oggi la sfilata accompagnata dalla fanfara Sezionale Ana Trento, dalla fanfara di Pieve di Bono e dalla banda di Demo della Vallecamonica, seguita dagli onori alle bandiere, dalla deposizione della corona in memoria di tutti i defunti presso il Sacrario militare di Passo del Tonale e dalla messa celebrata dall’arcivescovo di Trento, mons. Lauro Tisi e dal vescovo di Brescia, mons. Pierantonio Tremolada. Anche il tempo oggi ha aiutato. Gli alpini sono sfilati fra due ali di folla, per attendere poi ai diversi momenti della cerimonia solenne, fra cui i saluti delle delegazioni degli altri paesi coinvolti, come Austria e Slovenia, e delle autorità trentine e lombarde. Molte le autorità presenti, fra cui anche gli assessori Carlo Daldoss e Tiziano Mellarini.Un unico messaggio, al cospetto dell’Adamello: mai più guerre, mai più divisioni fra i popoli.

Link al Comunicato PAT

Ski area San Martino – Rolle: integrato il protocollo d’intesa

Comunicato 1839 del 28/07/2018

Nuovo intervento per l’area Tognola-Ces e progetto esecutivo del collegamento San Martino-Rolle

Un nuovo intervento per il collegamento “Sci ai piedi” tra l’area di Tognola e di Ces – Val Cigolera ed il prosieguo dell’iter per l’approvazione del progetto esecutivo del collegamento San Martino-Rolle. Sono questi i contenuti dell’integrazione del Protocollo d’Intesa, sottoscritto nell’aprile 2015 per il miglioramento dell’offerta turistica estiva ed invernale della Ski area San Martino Rolle. Oggi la firma – alla sede della Comunità di Primiero a Tonadico – da parte del presidente della Provincia Ugo Rossi, l’assessore provinciale al turismo Michele Dallapiccola, gli amministratori e operatori locali. Confermate inoltre le risorse (48 milioni di euro) e gli interventi già stabiliti nel protocollo del 2015. “Le firme che abbiamo fatto nel 2015 e che rinnoviamo oggi non sono delle formalità – ha sottolineato il presidente Ugo Rossi – sono degli impegni che stiamo portando avanti in sinergia con gli operatori e amministratori locali. Non posso che ringraziare tutti per aver creduto in questo progetto di rilancio. Io ne sono particolarmente soddisfatto. Oggi rinnoviamo il nostro impegno, si tratta di un nuovo passo avanti per raggiungere il Passo Rolle. L’auspicio è ora quello di proseguire in questa direzione. Possiamo farlo perché abbiamo creato le condizioni affinché la macchina possa funzionare al meglio”. “Procediamo con un programma serrato che intervento dopo intervento ci permetterà di raggiungere l’obiettivo finale che è quello di collegare le aree sciistiche di San Martino e Rolle. I dati ci dicono che le scelte fatte stanno producendo gli effetti sperati in termini di ripresa del territorio” ha invece concluso l’assessore Dallapiccola. Il Protocollo, sottoscritto ad aprile 2015 e oggi integrato, stabilisce interventi non slegati l’uno dall’altro, ma inseriti in un progetto complessivo e integrato di rilancio della Ski area San Martino – Rolle per il quale la Giunta provinciale ha confermato di voler impegnare risorse per 42 milioni di euro a fronte di una previsione totale di spesa pari a 48 milioni di euro. I restanti 6 milioni sono a carico degli enti pubblici e degli operatori privati di Primiero. Tra gli interventi previsti nel protocollo del 2015, il potenziamento e l’ammodernamento dell’area sciabile Ces-Val Cigolera con adeguamento delle piste da sci, la realizzazione del nuovo bacino di accumulo, il potenziamento delle linee di innevamento programmato, l’ammodernamento degli impianti San Martino – Val Bonetta, il nuovo collegamento Nasse-Bellaria, il collegamento tra le due aree sciabili di Passo Rolle. Trentino Sviluppo ha già acquisito il nuovo bacino di accumulo ed il nuovo sistema di innevamento programmato sito in Val Cigolera ed ha sottoscritto il 23 marzo scorso l’accordo relativo agli investimenti della società San Martino Rolle S.p.A. nella stazione sciistica di Malga Ces – Val Cigolera ed ha sottoscritto e versato un aumento di capitale sociale in San Martino Rolle S.p.A. di 4.400.000 euro. Grazie alla capitalizzazione effettuata, la società San Martino Rolle Spa, sta realizzando un altro importante investimento relativo alla telecabina Colbricon Express, sostituendo due seggiovie obsolete. Il protocollo, oggi integrato, prevede un ulteriore intervento finalizzato al prosieguo dell’iter per l’approvazione del progetto esecutivo del collegamento San Martino – Passo Rolle ed a sostenere le opere di miglioramento del collegamento “sci ai piedi” tra l’area di Tognola e di Ces – Val Cigolera, con adeguata capacità di portata funiviaria e di innevamento programmato delle piste interessate. L’intervento sarà realizzato da Trentino Sviluppo e prevede un investimento complessivo di 1.700.000 euro. Per quanto riguarda il collegamento San Martino – Passo Rolle Trentino Sviluppo ha già costituito il gruppo di progettazione composto oltre che dal progettista funiviario, dal consulente architettonico, dagli esperti di ambiente e foreste, dal geologo e geotecnico, dall’ esperto nivologico e da quello per gli aspetti topografici. Questo Team è già al lavoro per perfezionare la progettazione definitiva dell’impianto di collegamento tra san Martino e Passo Rolle, funzionale all’ottenimento della VIA (Valutazione di Impatto Ambientale), della concessione funiviaria e della relativa concessione edilizia. Nel corso del primo anno successivo alla sottoscrizione di questa aggiunta al protocollo, Provincia, amministratori e operatori locali s’incontreranno periodicamente per una condivisione dello stato del progetto e degli sviluppi dell’iniziativa, definendo eventualmente specifiche ulteriori intese volte a favorire l’attuazione delle attività previste dal protocollo.

I firmatari

L’integrazione al protocollo è stata sottoscritta dal presidente della Provincia autonoma di Trento Ugo Rossi, i sindaci del Comune di Canal San Bovo Albert Rattin, del Comune di Primiero San Martino di Castrozza Daniele Depaoli, del Comune di Imer Gianni Bellotto, del Comune di Mezzano Ferdinando Orler, del Comune di Sagron Mis Luca Gadenz, il presidente della Comunità di Primiero Roberto Pradel, il presidente del Parco di Paneveggio Pale di S. Martino Silvio Grisotto, la presidente della società Funivie Seggiovie San Martino spa Valeria Ghezzi, il presidente della società San Martino Rolle spa Giacobbe Zortea, il presidente della società Castellazzo srl Vigilio Mich, il presidente della Sciovia Prà delle Nasse snc Antonio Bancher, il presidente dell’associazione albergatori della sezione San Martino/Primiero Renzo Esposito, il presidente dell’Unione Albergatori del Trentino Maurizio Rimondi, il presidente dell’associazione artigiani di Primiero Nicola Svaizer, il presidente di Confcommercio Primiero Mauro Taufer ed il presidente dell’Azienda per il turismo San Martino di Castrozza, Passo Rolle, Primiero e Vanoi Antonio Stompanato.

Link al Comunicato PAT