Archivia per Agosto, 2018

Crollo del ponte a Genova: la Protezione civile del Trentino segue la situazione

Comunicato 1970 del 14/08/2018

Per il momento non è prevista l’attivazione delle colonne mobili delle Regioni

Dopo la tragedia di stamattina, con il crollo del Ponte Morandi sull’autostrada A10, che ha causato diverse vittime, la Protezione civile del Trentino nel suo ruolo di Coordinamento delle protezioni civili regionali, sta seguendo in video conferenza l’evolversi della situazione. Al momento il Dipartimento nazionale della Protezione Civile non ha previsto l’attivazione delle colonne mobili delle Regioni. La Protezione civile del Trentino è comunque pronta ad attivare le colonne mobili in caso di richiesta.

Link al Comunicato PAT

Il presidente Rossi riassegna le competenze a seguito delle dimissioni dell’assessore Daldoss

Comunicato 1969 del 14/08/2018

A seguito delle dimissioni comunicate questo pomeriggio da Carlo Daldoss, il presidente della Provincia autonoma di Trento, Ugo Rossi ha firmato poco fa il decreto per la riassegnazione delle competenze che erano state affidate all’assessore all’inizio della legislatura. Il presidente assume pertanto la competenza nelle materie degli enti locali e dell’edilizia pubblica mentre il tema dell’urbanistica, catasto e libro fondiario è stato assegnato all’assessore Mauro Gilmozzi. Il presidente Ugo Rossi esprime, anche a nome della Giunta, un ringraziamento a Carlo Daldoss per il servizio prestato a favore della comunità, in piena coerenza e condivisione delle linee programmatiche del governo di centrosinistra autonomista in carica.

Link al Comunicato PAT

In arrivo il personale per la Scuola dell’infanzia

Comunicato 1955 del 11/08/2018

Approvate le graduatorie per l’assunzione a tempo determinato per il triennio e le modalità di assunzione a tempo indeterminato per il 2018/19

Scuola dell’infanzia: approvate le graduatorie per l’assunzione a tempo determinato di personale insegnante per il triennio scolastico 2018/2021 e stabilito il contingente di personale da assumere a tempo indeterminato con le qualifiche di coordinatore pedagogico e di insegnante per il prossimo anno scolastico, 45 figure in tutto. Sono queste le due distinte deliberazioni della Giunta provinciale, su proposta del governatore Ugo Rossi che mirano a completare il corpo insegnanti delle scuole materne del territorio, in vista dell’inizio dell’anno scolastico. Con la prima deliberazione, la Giunta provinciale ha approvato le graduatorie per l’assunzione a tempo determinato, facendo seguito al bando approvato lo scorso mese di marzo che riapriva le graduatorie per il triennio. Le graduatorie, suddivise per circolo di coordinamento pedagogico, saranno utilizzate per effettuare le assunzioni annuali con il sistema della “chiamata unica” e saranno utilizzate successivamente, nel corso dell’anno scolastico, dai coordinatori pedagogici per effettuare le assunzioni di personale a tempo determinato che si rendano necessarie. Le graduatorie sono pubblicate agli albi dei circoli di coordinamento pedagogico, nonché sul portale tematico dell’amministrazione provinciale: www.vivoscuola.it. L’esecutivo ha anche determinato il contingente di personale da assumere a tempo indeterminato con la qualifiche di coordinatore pedagogico e di insegnante delle scuole per l’infanzia per l’anno scolastico 2018/’19. In seguito a numerosi pensionamenti infatti, vi sono sedi di circolo prive del coordinatore, è quindi necessario assumere nuove figure attingendo alla graduatoria del concorso effettuato nei mesi scorsi e recentemente concluso. Inoltre è necessario provvedere alla copertura dei posti di insegnante a tempo indeterminato delle scuole per l’infanzia vacanti, attingendo sia dalla graduatoria permanente del concorso del 2005/06, sia dalla graduatoria del concorso che si è svolto nel 2015.

Questa la ripartizione dei posti:

8 posti il contingente di personale da assumere a tempo indeterminato con la qualifica di coordinatore pedagogico; 21 posti il contingente per le assunzioni a tempo pieno e indeterminato del personale insegnante delle scuole dell’infanzia provinciali per l’anno scolastico 2018/2019, da ripartire nelle seguenti modalità: 7 posti destinati all’assunzione dalla graduatoria dei vincitori del concorso indetto nel gennaio del 2015; 6 posti destinati all’assunzione dalla graduatoria del concorso indetto nell’agosto del 2006; 6 posti destinati alla trasformazione da rapporto a tempo parziale in rapporto a tempo pieno; 2 posti riservati ad insegnanti che siano in possesso dell’attestato di conoscenza della lingua e cultura ladina; 16 posti il contingente per le assunzioni con competenza in lingua straniera a tempo pieno e indeterminato del personale insegnante delle scuole dell’infanzia provinciali per l’anno scolastico 2018/2019 da ripartire nelle seguenti modalità: 8 posti destinati all’assunzione dalla graduatoria dei vincitori del concorso indetto nel 2015; 8 posti destinati alla trasformazione da rapporto a tempo parziale in rapporto a tempo pieno.

Questo il calendario delle convocazioni:

Lunedì 13 agosto: a partire dalle ore 9, presso il Dipartimento della Conoscenza in via Gilli n. 3 a Trento (piano rialzato, aula magna) per la qualifica di coordinatore pedagogico; a partire dalle ore 10, presso il Dipartimento della Conoscenza in via Gilli n. 3 a Trento (piano rialzato, aula magna) per la trasformazione da rapporto a tempo parziale in rapporto a tempo pieno; a partire dalle ore 11, presso il Dipartimento della Conoscenza in via Gilli n. 3 a Trento (piano rialzato, aula magna) per l’assunzione a tempo indeterminato (prima convocazione). Lunedì 20 agosto: a partire dalle ore 10, presso il Dipartimento della Conoscenza in via Gilli n. 3 a Trento (piano rialzato, aule A1/A2) per l’assunzione a tempo indeterminato (seconda convocazione). Info: https://www.vivoscuola.it/

Link al Comunicato PAT

Contro la dispersione scolastica. Istituzioni formative paritarie: 105.000 euro per progetti di riorientamento

Comunicato 1934 del 10/08/2018

Le proposte progettuali dovranno essere presentate entro il 30 settembre 2018

Le istituzioni formative paritarie della provincia di Trento avranno tempo fino al 30 settembre 2018 per presentare progetti di orientamento finalizzati al reinserimento di giovani a rischio di dispersione scolastica. Lo stabilisce una delibera della Giunta provinciale che stanzia 105.000 euro per la realizzazione di progetti finalizzati all’inclusione sociale di studenti in situazione di disagio o a rischio dispersione scolastica al fine di reinserirli in un percorso formativo per conseguire un titolo del secondo ciclo, anche in apprendistato formativo. Le proposte progettuali dovranno essere presentate entro il 30 settembre 2018.

Obiettivi

I progetti dovranno essere finalizzati all’inclusione sociale di studenti in situazione di disagio o demotivati a rischio dispersione scolastica al fine di reinserirli in un percorso formativo per conseguire un titolo del secondo ciclo, anche in apprendistato formativo, o per il potenziamento delle competenze necessarie per ottenere un impiego e mantenerlo nel lungo periodo. In sintesi, gli obiettivi dei progetti dovranno essere quelli di: far acquisire ai giovani competenze di base, traversali e professionali necessarie alla prosecuzione in un percorso formativo o all’inserimento nel mercato del lavoro; orientare i giovani all’individuazione di una professione e/o di un percorso formativo in linea con le proprie attitudini, mediante laboratori tecnico-pratici, visite aziendali, tirocini presso imprese; in alcuni casi, far conoscere e apprezzare i partecipanti da potenziali datori di lavoro che potrebbero, successivamente, assumerli con un contratto di lavoro in apprendistato per la qualifica professionale.

Proponenti

Possono presentare la richiesta di finanziamento dei progetti di riorientamento le istituzioni formative paritarie facenti parte del sistema educativo della provincia di Trento abilitate ad erogare almeno uno dei titoli di qualifica di formazione professionale previsti dal Programma della formazione professionale

Contenuti

I progetti devono essere coerenti con i percorsi di qualifica/diploma attivati dall’Istituzione formativa provinciale e paritaria proponente e dalle altre Istituzioni che partecipano alla rete. L’approccio didattico dovrà essere prioritariamente orientato al contesto laboratoriale e lavorativo nell’ambito dell’attività dei tirocini curricolari e arricchito da esperienze pratiche, in azienda o in laboratorio.

Dove e quando

La proposta progettuale, firmata dal legale rappresentante dell’Istituzione formativa paritaria proponente, deve essere presentata al Servizio Istruzione e formazione del secondo grado, Università e Ricerca della Provincia autonoma di Trento entro il 30 settembre 2018.

Informazioni

Per informazioni dettagliate è possibile rivolgersi al Servizio istruzione e formazione del secondo grado, Università e Ricerca al numero 0461-493533 oppure alla mail serv.istruzioneuniversitaricerca@provincia.tn.it

Link al Comunicato PAT