Archivia per Agosto, 2017

In arrivo la Giornata dell’Autonomia 2017

Comunicato 2206 del 26/08/2017

Eventi dal 1° al 9 settembre fra riflessioni e musica

Il 5 settembre di ogni anno, com’è ormai tradizione, il Trentino ricorda il giorno del 1946 in cui Alcide De Gasperi e Karl Gruber – rispettivamente ministri degli esteri di Italia e Austria (Degasperi era anche, naturalmente, presidente del Consiglio) – firmarono l’accordo di Parigi, dal quale si origina l’Autonomia speciale nella forma che oggi conosciamo. L’Autonomia è un cammino, e come tale va riempita ogni giorno di contenuti, ma fermarsi a riflettere sulla sua nascita, al termine della Seconda guerra mondiale, e sul suo significato, anche per le generazioni future, è molto importante. Quest’anno per la prima volta gli eventi si distribuiscono in un arco di tempo più lungo, che va dal 1° al 9 settembre. La cerimonia principale si terrà martedì 5 nella Sala Depero del palazzo della Provincia. Vi saranno però anche altri eventi, in parte dedicati alla riflessione, in parte all’arte, alla musica in particolare. Venerdì 1° settembre si terrà sempre in Provincia un seminario sulla cultura dell’Autonomia. Domenica sera, al teatro Sociale, un concerto dell’orchestra Haydn (ingresso libero previo ritiro del biglietto). Ed ancora. nella serata di martedì 5, dopo la cerimonia, nel cortile del Muse spazio alla musica rock e reggae con i Rebel Rootz. Infine, sabato 9, le “porte aperte” al Palazzo della Provincia, anche questa ormai una tradizione.

Giornata dell’Autonomia 2017 – PROGRAMMA

Venerdì 1 settembre – ore 14.30-18.30 – SEMINARIO – Palazzo della Provincia, Sala Depero – La cultura dell’Autonomia: Le condizioni pre-giuridiche per un’efficace autonomia regionale

Interventi: Rainer Arnold, Università di Regensburg, Steven Forti, Universidade Nove de Lisboa e Università Autonoma di Barcellona, Roberto Toniatti, Università di Trento. Discussants: Elena D’Orlando, Università di Udine, Esther Happacher, Università di Innsbruck. Conclusioni: Francesco Palermo, Università di Verona e Eurac/Bolzano. Moderatore: Giuseppe Zorzi, Presidenza PAT – Affari euroregionali

Domenica 3 settembre – ore 21.00 – CONCERTO – Teatro Sociale – Concerto dell’Orchestra Haydn. Direttore Arvo Volmer

Gioacchino Rossini (1792-1868) Guglielmo Tell: Sinfonia – Ludwig van Beethoven (1770-1827) Sinfonia n. 5 in do minore, op. 67 – Allegro con brio; Andante con moto; Allegro; Allegro. Distribuzione dei biglietti gratuiti presso la cassa del Teatro Sociale dal 30/8 al 1/9 orario 15.00-18.00 e la sera dell’evento dalle ore 18.00 in poi

Martedì 5 settembre – ore 17.30 – CERIMONIA – Palazzo della Provincia, Sala Depero – Cerimonia per la Giornata dell’Autonomia

Intervengono: Bruno Dorigatti, Presidente del Consiglio della Provincia autonoma di Trento; Paride Gianmoena, Presidente del Consiglio delle Autonomie locali; Giandomenico Falcon, Presidente della Consulta per lo Statuto speciale per il Trentino – Alto Adige/Südtirol; Petra Zatelli, Presidente del Consiglio dei giovani; Ugo Rossi, Presidente della Provincia autonoma di Trento. Modera: Gianpaolo Pedrotti, capo ufficio stampa Provincia autonoma di Trento

Martedì 5 settembre – ore 21.00 – CONCERTO – Quartiere delle Albere, giardini del Muse – I Rebel Rootz in concerto – ingresso libero

Sabato 9 settembre – ore 10.00-18.00 – PORTE APERTE – Porte Aperte al Palazzo della Provincia con il saluto del Governatore del Trentino, Ugo Rossi

Link al Comunicato PAT

La Provincia impugna il decreto dello Stato sulla Via

Comunicato 2200 del 25/08/2017

La decisione oggi per tutelare le competenze garantite dall’Autonomia

La Provincia autonoma di Trento, con delibera del presidente, Ugo Rossi, ha deciso di impugnare davanti alla Corte Costituzionale il decreto legislativo dello Stato – il 104 del 16 giugno scorso – che modifica il riparto delle competenze fra Stato e Regioni in materia di Via (valutazione di impatto ambientale). Le conseguenze del decreto, che dà attuazione ad una normativa comunitaria, valgono tanto per le Regioni a statuto ordinario quanto per quelle a Statuto speciale. Solo per fare un esempio, tutte le strade extraurbane rientrerebbero nella competenza dello Stato, cosa che presuppone la necessità di ricorrere ad una Via nazionale quando è necessario effettuare su di esse degli interventi. La conferenza Stato-Regioni aveva formulato a suo tempo precise osservazioni a salvaguardia delle prerogative delle realtà regionali, ma, come sottolineato dall’assessore Mauro Gilmozzi in Giunta stamani, “sono state tutte disattese. Ciò a fronte di alcuni aspetti di legittimità costituzionale che appaiono evidenti, dal momento che la potestà legislativa dello Stato, così formulata, viene ad incidere in modo diretto su aspetti che lo Statuto di Autonomia e le successive norme di attuazione attribuiscono alle Province autonome”. Il decreto determina una riduzione della potestà normativa delle Province autonome per la regolazione dei procedimenti di Via e di valutazione di assoggettabilità a Via per i progetti che rimangono di competenza della Provincia. Esso non prevede inoltre un adeguato coinvolgimento delle Province autonome nei procedimenti di competenza statale, anche quando questi riguardino progetti infrastrutturali che impattano direttamente sui territori. Infine, introduce l’obbligo di conformare la legislazione provinciale alle nuove norme statali, anche di procedimento, nel termine di 120 giorni, salva l’attivazione di poteri sostitutivi statali.

Link al Comunicato PAT

Estate positiva per il turismo in Trentino

Comunicato 2198 del 24/08/2017

A luglio un + 6,3%, di arrivi. Crescono anche i ricavi per camera

Buoni i dati diffusi dall’Ispat relativamente ai movimenti turistici in Trentino a luglio e nella prima metà di agosto, a cui si sommano quelli sull’intero periodo gennaio-luglio. Una prima istantanea sull’andamento del movimento nei primi 15 giorni di agosto, condotta su 1.052 strutture ricettive, indica una variazione positiva attorno al 4% sia per gli arrivi che per le presenze, confermando il trend positivo della prima parte dell’estate. La stima relativa al mese di luglio mostra a sua volta risultati decisamente positivi. Gli arrivi si incrementano nell’ordine del 6,3% rispetto allo stesso mese dello scorso anno e le presenze risultano in aumento di circa il 5%. I pernottamenti negli esercizi alberghieri e complementari del mese di luglio rappresentano circa il 33% delle presenze della stagione estiva. In particolare sono gli italiani a fornire un’ottima performance nel mese di luglio crescendo dell’8,4% negli arrivi e del 6,2% nelle presenze. L’altro dato significativo arriva dal sistema di comparazione Hbenchmark utilizzato da Trentino Marketing e mostra come rispetto all’anno scorso anche i ricavi medi per camera siano aumentati (ad esempio: a fine giugno 2016 era di 121 euro, quest’anno è di 134 euro). L’incremento sul fronte degli arrivi e delle permanenze dunque non è dovuto ad una politica dei prezzi particolarmente “allettante”. “Siamo doppiamente soddisfatti di questi primi dati – sottolinea l’assessore al turismo Michele Dallapiccola – da un lato perché sono cresciuti gli arrivi e le presenze ma anche e soprattutto perché è cresciuta la remuneratività, cosa che gli imprenditori del settore auspicavano da tempo. Evidentemente, insomma, la nostra proposta turistica convince a prescindere dal fatto che nella media i prezzi si siano un po’ alzati, quindi in primo luogo della qualità del prodotto che offriamo. Questa è la strada giusta. Ci sono margini di ulteriore miglioramento, non è il caso di riposarsi sugli allori, ma certamente il cammino che stiamo facendo va nella direzione che ci attendevamo”.

Link al Comunicato PAT

Avvicendamento al comando del Genio Guastatori Alpini: il saluto del governatore Rossi

Comunicato 2192 del 23/08/2017

Visita di commiato del colonnello Musti, che lascia il posto al colonnello Celestre

Visita di commiato nel pomeriggio di oggi al governatore del Trentino Ugo Rossi del comandante del II Reggimento Genio Guastatori Alpini, colonnello Luigi Musti, e del nuovo comandante del reparto Gaetano Celestre, che si insedierà il prossimo 1 settembre. La visita al presidente Rossi è avvenuta al termine di una giornata impegnativa per il Genio Guastatori Alpini di Trento, che proprio oggi ha portato a termine con successo il recupero e neutralizzazione sulla Marmolada di un proiettile d’artiglieria da 210 mm risalente alla Prima guerra mondiale, venuto alla luce a Ferragosto a seguito dello scioglimento del ghiacciaio. Dopo essersi complimentato per l’operazione, il governatore Rossi ha consegnato al colonnello Musti, in segno di riconoscenza per il servizio prestato alla guida del II Reggimento, il distintivo dell’Aquila di San Venceslao, ed ha rivolto al nuovo comandante colonnello Celestre, un caloroso saluto di benvenuto in Trentino facendogli dono di un libro dedicato al nostro territorio. Il colonnello Musti, 53 anni, nato a Catania e sposato, laureato in Scienze Strategiche presso l’Università di Torino, Master in Studi internazionali Strategico – Militari, è istruttore militare di educazione fisica ed è stato osservatore e controllore militare “Senior” della NATO. Ha iniziato la propria carriera militare proprio a Trento, presso il 2° Reggimento Genio Guastatori, negli anni 1989-2001, svolgendo in seguito vari incarichi operativi anche all’estero, tra cui Bosnia e Kosovo. Cavaliere dell’Ordine al merito della Repubblica, è stato insignito di varie decorazioni al merito. Il colonnello Gaetano Celestre, 47 anni, ragusano, sposato e padre di cinque figli, ha frequentato tutti i corsi più significativi inerenti l’Arma del Genio e di staff della branca operativa ed ha partecipato a numerose missioni fuori area (Kosovo, Afghanistan, Nassyria). Dal dicembre 2011 è effettivo al Comando Truppe Alpine a Bolzano.

Link al Comunicato PAT