Elezioni 2018


presidente

Archivia per Dicembre, 2015

Gli auguri di Rossi ai giornalisti

Comunicato 3225 del 23/12/2015

“Il 2016 sarà l’anno dell’internazionalizzazione del Trentino”

giornalisti

“Dedicheremo il 2016 a coltivare la dimensione esterna del Trentino, sia sotto il profilo dell’immagine che questo territorio vuole dare di sé ma anche rispetto al fatto che il piccolo Trentino vuole intercettare le dinamiche della globalità.” E’ quanto ha annunciato oggi il governatore Ugo Rossi in occasione del tradizionale incontro di fine anno con i rappresentanti e i giornalisti dei mezzi di informazione locali, giornali, radio e tivù. Lo scambio d’auguri nella Sala Wolf del palazzo della Provincia, con il presidente dell’Ordine dei giornalisti del Trentino Alto Adige Fabrizio Franchi. Rispettando la consuetudine, Franchi ha fatto omaggio al governatore di un libro – “La guerra verticale” dello scrittore trentino Diego Leoni – ma ha anche accennato alla difficile situazione in cui versano anche alcune aziende editoriali locali. Un settore che soffre, parimenti ad altri, della crisi economica generale e per il quale sono maturi i tempi per impostare una pista normativa, sulla falsariga di quanto ha già fatto la vicina Provincia autonoma di Bolzano. “Amministrare un territorio come questo – ha affermato Rossi nel suo saluto ai giornalisti – significa anche dover comunicare ciò che si fa, ciò che non si riesce a fare o che si fa male, guidati però sempre da uno spirito di appartenenza al territorio. Molte delle critiche rivolte al nostro agire amministrativo derivano dal fatto che si vorrebbe sempre il meglio.” Rossi ha però invitato i giornalisti a legare il senso di appartenenza al territorio alla specialità del Trentino: “cercate di avvertire la responsabilità di raccontare un territorio che da fuori ci viene invidiato. Abbiamo bisogno di dare una rappresentazione oggettiva, che sappia trasmettere non il valore del governo bensì quello dell’autogoverno”.

Link al Comunicato PAT

Rossi: “La Regione può ancora svolgere un grande servizio alla comunità”

Comunicato 3223 del 23/12/2015

regione

“Sentitivi parte di un disegno riformatore nel quale la Regione continuerà ad esercitare alcune importanti competenze, utili allo sviluppo delle due Province”. Questo l’invito che il presidente Ugo Rossi ha rivolto oggi ai dipendenti della Regione, nel corso del tradizionale scambio di auguri natalizi con la Giunta regionale. “Siamo impegnati nella riforma del quadro statutario – ha detto Rossi – ed in questo contesto intendiamo dare alla Regione un ruolo nuovo, più propulsivo per l’Autonomia e con una maggiore caratterizzazione internazionale. La riforma confermerà l’unicità dello Statuto – ha aggiunto – e intende assegnare alla Regione ulteriori competenze strategiche per le due Province, nel campo, ad esempio, del welfare e dell’organizzazione della Giustizia. Sono convinto – ha aggiunto Rossi – che la Regione, se saprà rimettersi in gioco rispetto ai modelli del passato, possa ancora svolgere un grande servizio alla nostra comunità”. Il presidente ha poi annunciato che nel 2016 si cercherà di mettere mano alla pianta organica dell’Ente, al fine di coprire alcuni posti da tempo scoperti e che ci saranno le risorse per il rinnovo contrattuale, con la possibilità di introdurre una logica che, oltre agli automatismi, vada a premiare anche il merito. L’incontro è terminato con una cerimonia nella quale la Giunta ha voluto salutare e ringraziare i dipendenti che nel corso dell’anno sono andati in pensione.

Link al Comunicato PAT

L’Euregio lancia l’invito a presentare proposta per l’organizzazione del Summer Camp 2016

Comunicato 3221 del 23/12/2015

L’Ufficio del GECT Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino ha pubblicato oggi sul suo sito l’invito a presentare una proposta per l’organizzazione dell’Euregio Summer camp 2016, per ragazzi da 11 a 14 anni, dal 24 al 31 luglio 2016. L’invito si rivolge a organizzazioni di volontariato, ONG e altre istituzioni del Tirolo, dell’Alto Adige e del Trentino in possesso dei requisiti necessari, interessate ad organizzare assieme l’Euregio Summer Camp. L’edizione 2016 aprirà le porte alla creatività della danza. L’Euregio Summer Camp prevede una settimana ricca di incontri, di evasione ma anche apprendimento delle lingue “L’esperienza delle prime tre edizioni negli anni 2013, 2014 e 2015 è stata alquanto positiva”, spiega il responsabile del progetto Matthias Fink. Anche quest’anno l’Euregio Summer Camp offrirà durante le vacanze estive un’occasione di incontro per circa 60 alunne e alunni della scuola primaria di secondo grado, provenienti dai tre territori dell’Euregio, con conoscenze basilari nelle rispettive seconde lingue o lingue straniere (tedesco e italiano). Grazie a “Tanz Bozen/Bolzano Danza”, che curerà direttamente l’iniziativa, i partecipanti al Summer Camp potranno prendere parte a un progetto di “community dance” articolato in sessioni pomeridiane. Gli obiettivi del Camp sono quelli di promuovere il confronto, sostenere l’apprendimento della seconda lingua o della lingua straniera (tedesco/italiano), far conoscere la storia e le molteplicità culturali dei territori dell’Euregio, nonché favorire la creazione di rapporti di amicizia al di là dei confini geografici. Il termine di presentazione delle proposte per l’organizzazione dell’Euregio Summer Camp 2016 è fissato per il 29 gennaio 2016, ore 12.00. Informazioni più dettagliate sono reperibili sul sito dell’Euregio sotto www.europaregion.info/summercamp.

Link al Comunicato PAT

Concessione A22: il 14 gennaio la firma del protocollo d’intesa con il Ministero

Comunicato 3218 del 23/12/2015

Rossi e Kompatscher: “Un risultato storico”

Un protocollo d’intesa che mette nero su bianco l’accordo, già verificato in sede europea, raggiunto dai presidenti Rossi e Kompatscher con il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio. E’ stato approvato oggi dalla Giunta regionale e sarà firmato dal Ministero e da tutti i soci pubblici il prossimo 14 gennaio. I termini dell’intesa sono noti: il Ministero affida la gestione dell’A22 ad una società “in house” di proprietà interamente pubblica, con una formula che prevede un’ipotesi di concessione trentennale e contestualmente la disponibilità dei 550 milioni del fondo ferrovia, accantonati per il finanziamento del Tunnel del Brennero e delle relative tratte di accesso.

“E’ un’ulteriore ed importante passo in avanti in direzione del rinnovo della concessione dell’A22 – hanno commentato soddisfatti Ugo Rossi e Arno Kompatscher, presidente e vicepresidente della Regione socio di maggioranza dell’A22. Siamo sempre più vicini al raggiungimento di un obiettivo storico per le autonomie di Trento di Bolzano e della Regione, molto atteso e di grande valenza strategica, non solo per i risvolti di tipo economico, ma anche – hanno detto – per la possibilità di incidere concretamente sulle politiche di mobilità, in una logica ambientale e di conservazione del territorio, che darà il via ad importanti investimenti lungo il corridoio del Brennero”. Con il protocollo, il Ministero e i soci pubblici si impegnano a collaborare per individuare e porre in essere tutte le misure, da attuarsi con strumenti amministrativi e normativi, per dare attuazione all’accordo. Si tratta di un’ulteriore passo verso il rinnovo della concessione che fa seguito a quanto deciso lo scorso 10 dicembre dall’assemblea dei soci della società autostradale che, all’unanimità, aveva deliberato di condividere in via preliminare l’obiettivo di trasformare l’Autostrada del Brennero S.p.A in una società totalmente pubblica, dando quindi mandato al consiglio di amministrazione di avviare le necessarie attività propedeutiche per addivenire ad un azionariato interamente pubblico, nonché ad uno statuto adeguato alla nuova configurazione societaria. Oltre al versamento allo Stato dei 550 milioni di euro raccolti dalla società nel “Fondo pro Ferrovia”, l’accordo prevede che gli incrementi tariffari siano contenuti ai livelli dell’inflazione programmata e che la futura società affidataria si impegni a versare 1395 milioni come canone di concessione, da corrispondere nella misura di 45 milioni all’anno. Sono previsti, inoltre, interventi infrastrutturali per 2000 milioni di euro e lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria per 1395 milioni.

Link al Comunicato PAT