Archivia per Ottobre, 2015

AUTOSTRADE: INIZIA STASERA LO SCIOPERO DEGLI IMPIANTI DI RIFORNIMENTO

COMUNICATO nr. 2600 del 19/10/15

Due le stazioni che dovranno garantire la fornitura sul tratto trentino dell’A22

Inizia oggi alle 22.00 uno sciopero degli impianti di distribuzione di carburante sulla rete autostradale nazionale, che si protrarrà fino alle ore 22.00 del 21 ottobre. Il servizio sarà comunque garantito in Trentino, come prevede un’ordinanza del presidente della Provincia autonoma di Trento Ugo Rossi, in due stazioni dell’A22: Nogaredo Est, in direzione Brennero e Paganella Ovest in direzione Modena.

Link al Comunicato PAT

UNA FORMAZIONE INNOVATIVA PER UN’AMMINISTRAZIONE VICINA AI CITTADINI

COMUNICATO nr. 2594 del 19/10/15

Varato il Piano 2016. Aumentano le iscrizioni.

Una formazione attuale, innovativa, tarata sui bisogni dell’utenza e di qualità per lo sviluppo di un’amministrazione pubblica efficiente, flessibile, vicina al cittadino e attenta alla gestione delle risorse. Questo l’obiettivo del Piano di formazione 2016 approvato oggi dalla Giunta provinciale su proposta del presidente Ugo Rossi. I corsi sono rivolti ai dipendenti provinciali a quelli degli Enti strumentali e del Consiglio provinciale. In aumento il numero di iscrizioni. Fra formazione programmata e formazione “su misura” l’investimento della Provincia per il 2016 è pari 925.000 euro, di cui 144.000 per la formazione del comparto scuola in materia di sicurezza e salute.

La formazione occupa un posto strategico nel favorire la crescita professionale dei dipendenti e nel far fronte alle esigenze di flessibilità ed efficienza della pubblica amministrazione. La Provincia ha riconfermato l’investimento in un’offerta formativa di qualità, affidandola alla Società tsm, ente strumentale della Provincia costituito per la formazione permanente del personale. Le metodologie utilizzate sostengono un’idea di formazione nelle sue diverse accezioni: permanente, di accompagnamento, di aggiornamento e di condivisione. Le iniziative sono svolte con modalità didattica in aula, FaD (formazione a distanza) e blended (mista: aula e formazione a distanza). Per l’analisi del fabbisogno formativo i referenti della formazione, presenti in ogni dipartimento, hanno assunto il ruolo di facilitatori della rilevazione e raccolta dei fabbisogni espressi dalle strutture e dal personale. L’offerta formativa contenuta nel Piano 2016, chiamata programmata, è rivolta ai dipendenti della Provincia Autonoma di Trento, degli Enti strumentali e del Consiglio provinciale ed ha visto un costante incremento delle iscrizioni: 16.274 nel 2013, 16.487 nel 2014 e 16.634 al 15 settembre del 2015. Nel 2015 sono state organizzate 152 diverse iniziative formative per un totale di 4300 ore di formazione. La formazione programmata proposta nel Piano di formazione 2016 è suddivisa in aree tematiche di riferimento: competenze manageriali; competenze giuridico – economiche; competenze trasversali; competenze digitali; sicurezza e salute.

Link al Comunicato PAT

TEDESCO E INGLESE NEI NIDI E NELLE SCUOLE D’INFANZIA

COMUNICATO nr. 2589 del 19/10/15

La Giunta, su proposta del governatore Ugo Rossi, ha dato il via libera al progetto di accostamento alla lingua, finanziato con fondi comunitari

Piano Trentino Trilingue, si parte con i più piccoli: oggi la Giunta, su proposta del governatore del Trentino Ugo Rossi, ha dato corso a quanto previsto dal primo stralcio del piano per l’infanzia, aprendo alla presentazione di proposte progettuali riguardanti interventi sperimentali di accostamento alla lingua tedesca e inglese nei nidi e nelle scuole d’infanzia del territorio provinciale, per l’anno scolastico/educativo 2015/16. “Il Trentino trilingue che stiamo costruendo vuole accompagnare i nostri figli dall’asilo nido fino all’università e al mondo del lavoro, con un approccio interculturale che prevede non solo l’insegnamento di almeno due lingue straniere, ma anche lo stratificarsi di esperienze, di confronti e di abilità che concorreranno alla creazione dei nuovi adulti del terzo millennio – spiega il presidente Rossi -. Il tema delle lingue porta con sé una partita importante, per il futuro, l’apertura al contesto europeo, ma per garantire ai nostri giovani questo straordinario elemento di competitività bisogna partire fin dall’infanzia. Apprendere le lingue da piccoli è più semplice ed efficace, perché è nella scuola dell’infanzia che si perfeziona la prima alfabetizzazione; ma va anche detto che oggi ormai la multiculturalità e il plurilinguismo sono dati di fatto, basta uno sguardo alle nostre classi per capire che non sono più composte esclusivamente da bambini che parlano solo l’italiano”. Le scuole e i nidi sono raggruppati in tre aree territoriali, in base alla contiguità geografica; le risorse sono finanziate attraverso il Fondo sociale europeo e complessivamente sono pari a 828.900 euro. Le proposte progettuali vanno presentate dal 26 ottobre al 19 novembre 2015 al Servizio Europa.

Link al Comunicato PAT

UN PREMIO ALLE MIGLIORI TESI SOLANDRE

COMUNICATO nr. 2587 del 18/10/15

Questo pomeriggio Ugo Rossi ha incontrato i giovani premiati a Terzolas

Riconosciuto l’impegno e l’interesse culturale e scientifico per il territorio, oggi a palazzo Torraccia di Terzolas, sede della Biblioteca Storica del Centro Studi per la Val di Sole, dove un gruppo di giovani ha ricevuto un premio per le tesi di fine ciclo di studio alla presenza del Governatore Ugo Rossi. Si tratta di lavori che hanno avuto per oggetto aspetti e tematiche riguardanti l’ambiente o la storia della Val di Sole. Il governatore Rossi, nel complimentarsi con i giovani laureati, ha sottolineato l’impegno del governo trentino a potenziare l’attrattività degli studi universitari nei confronti degli studenti provenienti dal nostro territorio.

Nel contesto della premiazione è stata, infatti, presentata una ricerca curata da Christian Arnoldi, docente di Sociologia della comunicazione a Rovereto, che ha voluto indagare sugli esiti occupazionali o di prosecuzione degli impegni di studio dei laureati premiati negli scorsi anni. Il Governatore Rossi ha evidenziato che il dato occupazionale in Trentino è in ripresa, tanto che oggi rispetto al recente passato, ci sono più persone che lavorano e anche più giovani. “L’Università di Trento – ha aggiunto – di fronte ad un calo delle immatricolazioni a livello nazionale, ha conosciuto un aumento degli iscritti, soprattutto dei fuori sede. Le motivazioni sono legate sia alla qualità dell’Ateneo sia al tipo di sostegno al diritto allo studio offerto dal Trentino”. È necessario però che gli studenti universitari trentini aumentino, in vista di un beneficio futuro per tutto il territorio. “Una maggiore attrattività e strumenti di diritto allo studio maggiormente favorevoli per gli studenti locali saranno le linee guida per i prossimi anni, senza dimenticare la nostra apertura verso altre realtà” ha proseguito Rossi. Infine, un incoraggiamento agli autori delle tesi premiate, a sentirsi partecipi delle attività culturali del territorio: “Abbiamo bisogno di persone che abbiano il desiderio di stimolare la crescita delle nostre comunità” ha concluso il Governatore, ricordando che il Centro Studi per la Val di Sole, con il suo impegno, ha contribuito ad aumentare la qualità della vita solandra. Le tesi presentate oggi spaziano dallo studio della gestione agricola del territorio e delle malghe a quello dell’arte e architettura storiche in valle, dal problema della retrocessione dei pascoli e dei ghiacciai alla linguistica storica. I giovani hanno illustrato i loro lavori e ricevuto un premio in denaro e alcune pubblicazioni; questi i loro nomi: Mattia Precazzini, Ivan Migazzi, Veronica Berti, Aldo Fezzi, Silvia Depretis, Erika Maistrelli, Christian Brida, Valerio Rossi, Silvia Coraiola.

Link al Comunicato PAT