Archivia per Ottobre, 2015

25 ANNI DI PROGETTONE: MARTEDI’ 3 NOVEMBRE L’EVENTO CON IL MINISTRO POLETTI E IL PRESIDENTE DELL’INPS BOERI

COMUNICATO nr. 2657 del 26/10/15

Alla ex-Whirlpool dalle 9.30 per confrontarsi con la storia, i valori, le strategie per il futuro di uno strumento innovativo

Il Progettone compie 25 anni: per ricordarlo, martedì 3 novembre avrà luogo un evento pubblico che vedrà la presenza fra gli altri del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Giuliano Poletti e del Presidente dell’Inps nazionale Tito Boeri, ovvero dei due riferimenti più importanti in Italia nell’ambito delle politiche del lavoro da un lato e di quelle pensionistiche dall’altro. La manifestazione si terrà presso la ex-Whirlpool di Spini di Gardolo, sito scelto anche per la sua valenza simbolica, essendo stato come noto sede di una importante realtà industriale che ha chiuso i battenti ma che nei prossimi mesi vedrà l’inizio dei lavori di reindustrializzazione da parte di un’azienda subentrante. “Lo sviluppo di un welfare territoriale che sposa il sostegno al reddito ad efficaci politiche attive, mettendo al centro il lavoratore, con il suo portato di esperienze, con la sua dignità – sottolineano il governatore Ugo Rossi e il vicepresidente Alessandro Olivi, che saranno entrambi presenti all’evento – ha permesso in questi anni di consolidare un modello di società coesa, inclusiva e solidale. Quel modello di società in cui i trentini hanno sempre creduto. In questo senso il Progettone rappresenta a tutti gli effetti una parte importante del capitale sociale della nostra Autonomia”.

Link al Comunicato PAT

INAUGURATA LA MATERNA DI CALAVINO. ROSSI: AL CENTRO I BAMBINI, AZIONISTI DI MAGGIORANZA DELLA NOSTRA SOCIETÀ

COMUNICATO nr. 2655 del 25/10/15

calavino1

Sono stati proprio loro, i bambini, primi fruitori della struttura a tagliare il nastro della nuova scuola materna di Calavino di cui sono da poco terminati i lavori di ammodernamento e ristrutturazione. Il tutto in un clima di vera festa per il paese che ha organizzato per l’occasione una partecipata cerimonia alla quale hanno preso parte, accanto al sindaco e ad altri amministratori della zona, anche il governatore del Trentino, Ugo Rossi, nella sua veste di assessore all’istruzione. “Investiamo nella strutture, ma non solo in queste – ha detto Rossi – perché continuino ad assicurare qualità al nostro sistema scolastico che deve saper offrire il meglio a quelli che mi piace considerare gli ‘azionisti di maggioranza’ della nostra società: i nostri ragazzi”.

Grande attenzione alla qualità progettuale, all’uso dei materiali, alla sobrietà ma anche all’essenzialità nel presidio scolastico rinnovato che, hanno spiegato i progettisti, è stato pensato ‘a misura di bambino’ per garantire serenità ed armonia tanto negli spazi interni quanto in quelli esterni. Con un pensiero naturalmente anche a chi lavora in questi ambienti. calavino2 E proprio ai professionisti della scuola, non solo quella di Calavino ma di tutte le scuole della provincia, sono andati i ringraziamenti di Ugo Rossi che ha ricordato come gli alti livelli che il sistema trentino sa esprimere sono dovuti certo agli investimenti importanti fatti, agli strumenti che si mettono a disposizione, ma anche perché “ci sono persone che sanno metterci qualcosa di più nell’interpretare il loro ruolo e nell’essere in presa diretta con le nostre comunità”. La società è cambiata e cambia sempre più in fretta, ha aggiunto Rossi: “Le scuole dell’infanzia hanno un compito delicatissimo, quello di essere costante interfaccia con le comunità che stanno cambiando e di farlo nel segno di una qualità che non è mai venuta meno. So che questo impegno è molto vivo nelle nostre maestre e le voglio ringraziare per questo rinnovando anche il nostro impegno che è quello di continuare ad investire nella scuola, non solo nelle ristrutturazioni ma anche per fornire ai nostri ragazzi tutti gli strumenti che permettano loro di essere protagonisti del loro destino”.

Link al Comunicato PAT

GIOVANI, MONTAGNA, SCUOLA: UN’ALLEANZA FRA PROVINCIA E SAT

COMUNICATO nr. 2654 del 25/10/15

Nel corso del congresso a Fondo il governatore Rossi ha siglato un impegno con il presidente della Società Bassetti

sat

La Sat nelle scuole, per portare a bambini e ragazzi, assieme ai loro insegnanti, i valori della montagna: questo il messaggio lanciato stamani a Fondo dal governatore Ugo Rossi nel siglare un protocollo di intesa con il presidente Società degli alpinisti tridentini Claudio Bassetti, che da un lato recepisce quanto già oggi si sta facendo sul territorio e dall’altro getta le basi per una collaborazione sempre più strutturata fra la Sat e il mondo educativo-formativo, sia sui sentieri sia nelle aule. “Un grazie di cuore alla Sat per il suo servizio alla comunità trentina, all’ambiente, e anche al turismo, a chi viene a visitarci e deve poter apprezzare non solo le nostre bellezze naturali ma anche l’anima di questo territorio – ha detto Rossi – . Accogliamo con grande favore le vostre proposte, in particolare per quanto riguarda la scuola. Il protocollo che firmiamo oggi vuole portare ai nostri ragazzi i valori e i saperi della Sat e quindi il mondo della montagna, ma anche la capacità di ‘leggere’ le alte quote nel contesto delle dinamiche globali che ci investono. E’, questa, una sfida che investe il senso stesso della nostra Autonomia, che è ancora in cammino. Dobbiamo fare capire a tutti che l’Autonomia è un valore per il nostro Paese e che essa rappresenta anche un efficace antidoto allo spopolamento della montagna. Però attenzione: ci sono regioni che non hanno un’autonomia speciale e che hanno fatto ugualmente buone politiche in quest’ambito. Quindi non basta la difesa istituzionale e giuridica dell’Autonomia. Dobbiamo mettere l’Autonomia in relazione con altre realtà e soprattutto dobbiamo riempirla di un’anima, arricchirla continuamente di contenuti. Il protocollo di oggi è un impegno anche in questa direzione”.

Nel corso delle relazioni susseguitesi sul palco del Palanaunia, stamani, fra cui quelle del presidente della Sat Claudio Bassetti e del professor Annibale Salsa, è emerso con forza l’impegno della Sat a motivare i giovani, a sviluppare progetti mirati in sinergia con le politiche giovanili provinciali, a lavorare assieme alle famiglie. Parlare di giovani e bambini – è stato detto – significa parlare di scuola e quindi anche qui è necessario sviluppare un approccio integrato a tutti i temi della montagna, nel loro complesso: dalla sostenibilità ambientale e turistica alla difesa e valorizzazione delle sue culture, passando per la valutazione del rischio (ad esempio per quanto riguarda lo sci alpinismo). Bisogna costruire progetti assieme ai ragazzi e ai docenti; ci sono sperimentazioni già avviate da singoli istituti e plessi scolastici assieme a diverse sezioni della Sat, fra cui proprio a Fondo. Il protocollo di oggi consente insieme di valorizzarle e rilanciarle. “La Sat è dentro la comunità e per la comunità – ha detto Bassetti – mettendo le proprie conoscenze e competenze al servizio degli altri, offrendo servizi e producendo risultati in maniera volontaristica, secondo il principio della gratuità, il che in epoca di contrazione di bilanci pubblici è ancora più prezioso”.

Link al Comunicato PAT

ALA: 25 ANNI DI STELLA D’ORO AL SERVIZIO DELLA COMUNITA’

COMUNICATO nr. 2652 del 25/10/15

Il governatore Rossi: “Entro la legislatura una nuova struttura che serva a tutti i corpi di protezione civile”

stella

25° “compleanno” oggi per l’associazione Stella d’Oro Bassa Vallagarina. Da un quarto di secolo l’associazione gestisce i servizi di emergenza e i trasporti programmati di pazienti in Bassa Vallagarina, in sinergia con il servizio pubblico, in particolare il 118. Un impegno prezioso, dunque, sia perché risponde ai bisogni delle comunità sia perché offerto su base volontaria. Ai festeggiamenti, ad Ala, ha voluto partecipare anche il governatore del Trentino Ugo Rossi, che ha portato i saluti della Provincia autonoma di Trento ed in particolare degli assessori Zeni e Mellarini. “Raccolgo subito – ha detto Rossi nel suo intervento – la sollecitazione espressa dall’associazione e dalle autorità locali a realizzare una nuova sede. Entro la legislatura renderemo questo sogno possibile. Faremo una struttura al servizio di tutti i corpi e le realtà che operano in questo settore, in una logica di sobrietà e di incentivazione alle collaborazioni. Ho conosciuto il vostro impegno quando ero assessore alla sanità e ho potuto rendermi conti di persona di quanto il vostro ruolo sia positivo per l’intero sistema sanitario provinciale. Per questo non posso che dirvi grazie. La vostra forza è il radicamento sul territorio, che vi consente di intervenire, non solo nelle emergenze ma anche nei servizi di trasporto, con particolare attenzione e sollecitudine Ed è questo che fa la differenza”.

Stella d’Oro conta circa 80 circa volontari, di cui 65 operativi sulle 4 ambulanze, e una ventina impegnati nel sociale e/o con funzioni amministrative. Ill presidente Emiliano Trainotti, nel suo intervento, dopo avere ringraziato tutti i volontari per un impegno che non viene mai meno, neanche quando tutti gli altri riposano, ha dato voce al “sogno” dell’associazione: “Una struttura che raggruppi insieme noi, i Vigili del fuoco, i Nuvola, il Soccorso alpino, insomma tutta la Protezione civile, per offrire un servizio sempre più integrato ed efficace”. Un auspicio condiviso dal sindaco di Ala Claudio Soini che a sua volta ha elogiato la collaborazione tra i volontari nei momenti di emergenza: “Persone che dedicano il loro tempi libero alla comunità, sacrificando spesso sabati e domeniche per i loro concittadini. Agendo con attenzione e competenza”.

Link al Comunicato PAT