Elezioni 2018


presidente

Archivia per Giugno, 2015

Regionalismo, autonomie e crisi italiana. Uno sguardo conclusivo

Il ciclo di articoli che ho pubblicato in più di un anno di stimolante collaborazione con Mente Politica e che, con quest’ultimo mio contributo, arriva alla sua naturale conclusione, è nato dalla volontà di condividere alcune riflessioni sulla critica situazione in cui si è “impantanato” il nostro Paese. Riflessioni che hanno avuto l’obiettivo, spero raggiunto, di cogliere queste criticità per trarne indicazioni utili a indirizzarci verso quei cambiamenti che potranno favorire la ripresa o, per meglio dire, la rigenerazione delle nostre energie più vitali.

Le tematiche affrontate, e spesso intrecciate l’una all’altra, hanno preso l’avvio da un’analisi dell’attuale realtà nazionale, con particolare attenzione alla politica, a come è cambiata nell’arco di questi ultimi cinquant’anni. La politica, sia per come è gestita, sia per come viene percepita dal “basso”, dalla società nel suo insieme, ha oggi bisogno di un eccezionale sforzo di riflessione, se vuole recuperare credibilità e fiducia.

Da questo quadro è emersa una tendenza alla resistenza verso il nuovo, alla difesa, talvolta ostentata, di rendite di posizione, di privilegi finanziari, burocratici, politici, di categoria, che combattono aspramente, punto per punto, ogni spinta al cambiamento. In altre parole, l’Italia si è arroccata in una stasi pericolosa, incapace di mettersi in discussione e di affrontare le sfide politiche, sociali ed economiche poste dal nuovo millennio. A questo già precario quadro, va ad aggiungersi la recente volontà di ricentralizzare la spesa pubblica, volontà indotta dalla crisi fiscale dello Stato nazionale e da alcune gravi esperienze di malgoverno, ma anche dall’insieme approssimativo e fuorviante di informazioni che sono state prodotte “intorno” alle Regioni, in particolare a quelle speciali. In contrapposizione a questa tendenza – antistorica e pericolosa – ho posto l’attenzione sui territori, intesi come risorsa preziosa e imprescindibile per attuare il cambiamento di rotta indispensabile a garantire una ripresa solida e duratura.

Leggi tutto

I PRESIDENTI ROSSI E KOMPATSCHER INCONTRANO TANIA CAGNOTTO E FRANCESCA DALLAPE’

COMUNICATO nr. 1647 del 29/06/15

Appuntamento domani alle ore 14.30 presso il Lido di Bolzano

Il Presidente della Regione Trentino-Alto Adige/Südtirol Ugo Rossi ed il Vicepresidente Arno Kompatscher incontreranno domani a Bolzano le tuffatrici Tania Cagnotto e Francesca Dallapè, vincitrici della medaglia d’oro, la settima consecutiva, ai recenti campionati europei di Rostock in Germania, nella gara sincro del trampolino da 3 metri. All’incontro, voluto dalla Regione per ringraziare le due campionesse, una trentina ed una altoatesina, parteciperanno anche gli allenatori Giorgio Cagnotto e Giuliana Aor, gli assessori provinciali allo sport Martha Stocker e Tiziano Mellarini, alcuni rappresentanti del Coni regionale e alcuni giovani tuffatori. Per i giornalisti sarà l’occasione di fare il punto sull’attività delle due campionesse che fra circa un anno saranno impegnate nelle Olimpiadi di Rio de Janeiro. L’incontro si terrà domani, alle ore 14.30 presso il Lido di Bolzano in viale Trieste 21.

Link al Comunicato PAT

AL 2° BANDO NAZIONALE “FAMILY AUDIT” HANNO ADERITO 52 AZIENDE

COMUNICATO nr. 1644 del 29/06/15

Con l’approvazione di oggi da parte della Giunta sono in tutto 176 i soggetti coinvolti

Il 2° Bando nazionale per ottenere la certificazione Family Audit si è chiuso registrando un ottimo risultato: hanno aderito 52 aziende pubbliche/private italiane, tra cui 27 provenienti dalla Provincia autonoma di Trento. Il Bando è stato pubblicato dal Dipartimento politiche familiari di Roma in partnership con l’Agenzia per la famiglia di Trento ed oggi ha ricevuto approvazione formale dalla Giunta provinciale. Fino a ieri erano 124 le aziende coinvolte ed ora hanno raggiunto il ragguardevole risultato complessivo di 176. Le 52 nuove aziende vedranno il coinvolgimento di 81.237 dipendenti. Un traguardo importante che conferma la bontà della certificazione e delle ricadute positive sul management aziendale. Il Family Audit è una certificazione che aiuta le organizzazioni ad implementare gli strumenti di conciliazione vita-lavoro giungendo a performance virtuose che ottimizzano la gestione aziendale. I risultati, dopo aver acquisito la certificazione, sono tangibili in termini di miglioramento del clima e della cultura aziendale, riduzione dei costi del personale e maggior fidelizzazione dei dipendenti. Fra le tante, importanti realtà provinciali e nazionali che si sono impegnate ad intraprendere il processo che porta alla certificazione, lungo 3 anni, Itas Mutua (Trento), Telecom Italia (Milano), Dedagroup (Trento), Cariparma (Parma), Sandoz (Varese) ed anche enti pubblici locali e spa pubbliche.

Link al Comunicato PAT

ROSSI: “SONO ORGOGLIOSO DEGLI ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO”

COMUNICATO nr. 1640 del 27/06/15

Oggi a Mazzin di Fassa l’incontro con oltre 1000 futuri pompieri effettivi di 13 Distretti

vigili1

“Viviamo tempi difficili ma ci sono tante cose per cui vale la pena fare il presidente, una mi riempie di grande orgoglio, sapere che appartenete ad un corpo che incarna il senso stesso della nostra autonomia”. Il governatore del Trentino Ugo Rossi ha salutato così oggi a Mazzin di Fassa gli oltre 1000 allievi dei vigili del fuoco volontari del Trentino che si sono radunati in questi giorni a Pozza di Fassa per il loro quindicesimo campeggio estivo. Parlando ai giovani, alcuni giovanissimi allievi in divisa blu, schierati a Campestrin e pronti a far vedere cosa sanno fare (le manovre dimostrative si sono prolungate fino a tarda sera), Ugo Rossi si è detto certo che tale orgoglio sia anche vissuto nel cuore di ognuno di questi futuri pompieri effettivi, un orgoglio – ha affermato Rossi – che “deriva dall’appartenere a una terra dove ognuno sa che ci sono persone che ti stanno accanto in caso di bisogno. Un orgoglio che si manifesta nel mettersi a disposizione lavorando assieme ad altri, con la massima professionalità, senso di appartenenza, disciplina, rispetto delle regole”. Rossi, che ha aggiunto il suo saluto agli allievi dopo quello della sindaca di Mazzin Nicoletta Dallago, della Procuradora del Comun General de Fascia Elena Testor, del presidente della Federazione dei Corpi volontari dei Vigili del Fuoco Alberto Flaim e del consigliere regionale Giuseppe Detomas, ha infine chiesto “un aiuto agli allievi pompieri, quello di ringraziare tutti i volontari dei vigili del fuoco trentini e più in generale tutti quelli che si impegnano nella protezione civile trentina per aver mantenuto vivi i valori che hanno reso speciale il Trentino”.

Link al Comunicato PAT