Elezioni 2018


presidente

Archivia per Marzo, 2015

OFFERTA FORMATIVA: NUOVO INCONTRO OGGI A CEMBRA

COMUNICATO nr. 749 del 31/03/15

Il presidente della Provincia e i dirigenti di settore a confronto con amministratori locali e insegnanti

cembra1

Molti gli spunti emersi oggi nel corso dell’incontro fra il presidente della Provincia autonoma di Trento – anche nelle sue vesti di assessore all’istruzione – e amministratori locali e insegnanti della comunità della valle di Cembra, per presentare le linee guida dell’offerta formativa per l’anno scolastico 2015-2016, nel quadro più generale delle riforme che stanno interessando il settore della scuola e della formazione. Come già nei precedenti appuntamenti di questo vero e proprio “tour” che sta toccando tutte le realtà territoriali del Trentino, si è parlato innanzitutto dei criteri generali che la Provincia si è data, e che saranno applicati con la necessaria flessibilità, tenendo conto quindi delle esigenze specifiche di ciascun ambito, ma anche della necessità di garantire una offerta formativa omogenea. Per quanto riguarda la valle di Cembra il futuro sarà perlopiù all’insegna della continuità, non essendo emersi aspetti particolarmente problematici. Ma l’incontro di oggi ha consentito comunque di raccogliere numerosi stimoli, suggerimenti, proposte: ad esempio sul tema della stabilità dei docenti e quindi della continuità didattica, su quello dei trasporti pubblici, ed ancora, sulla settimana scolastica articolata su 5 giornate e sulla necessità di coniugare l’apertura internazionale, incarnata dal Piano per il trilinguismo, con la conservazione delle radici e lo studio della storia locale. Sempre sul trilinguismo, è stata avanzata – e prontamente raccolta – la proposta di realizzare a breve un incontro pubblico per illustrare alle famiglie di alunni e studenti, i pregi del metodo Clil, fugando i dubbi e i timori che questa nuova modalità di insegnamento delle lingue (già molto diffusa in altri paesi dell’Europa, in particolare nell’area tedesca e nel Nord) potrebbe generare.

Link al Comunicato PAT

FONDI EUROPEI: 220 MILIONI PER LO SVILUPPO DEL TRENTINO

COMUNICATO nr. 744 del 30/03/15

Fra gli interventi previsti quelli per la ricerca, le nuove imprese, il trilinguismo, i giovani

Da sempre fra le prime regioni in Italia ad utilizzare i Fondi europei, il Trentino ha approvato recentemente le linee strategiche per i Programmi operativi 2014-2020 del Fondo sociale europeo-Fse e del Fondo europeo di sviluppo regionale-Fesr, che valgono rispettivamente 110 e 108 milioni di euro, provenienti dalle risorse Ue della politica di coesione (50%), dallo Stato italiano (35%) e dalla stessa Provincia autonoma (15%). I contenuti del programma settennale di interventi sono stati presentati oggi con un evento al Palazzo della Provincia, a cui hanno preso parte anche il vicepresidente e assessore allo sviluppo economico e lavoro e l’assessore provinciale alla coesione territoriale, assieme ai rappresentanti della Dg-Direzione generale Politiche regionali e Dg Occupazione della Commissione europea e dell’Agenzia della coesione territoriale. Rispetto al passato, la programmazione 2020 concentra le risorse su un numero minore di obiettivi strategici. Al centro delle azioni programmate i temi dello sviluppo e della coesione sociale, declinati attraverso interventi riguardanti ad esempio la ricerca e sviluppo (voci che da sole assorbono quasi il 50% delle risorse a disposizione del Trentino), il sostegno alla nascita di nuova imprenditorialità, ma anche il trilinguismo e i giovani.

Link al Comunicato PAT

UN ANNO CON ANFFAS TRENTINO PER RICORDARE 50 ANNI DI STORIA

COMUNICATO nr. 742 del 30/03/15

Responsabili, genitori e giovani festeggiati dal Presidente della Provincia

Festa di compleanno, oggi nella Sala Stampa della Provincia, per i cinquant’anni di attività dell’ANFFAS. “Voi siete la testimonianza che i cittadini consapevoli, quando si muovono assieme, con passione ma anche con competenza, riescono ad arrivare sui problemi prima delle istituzioni!” Con queste parole il presidente della Provincia ha accolto il presidente di ANFFAS Trentino Luciano Enderle, che era accompagnato da Massimiliano Deflorian, direttore generale e da alcuni operatori, genitori e ragazzi. “Ma non basta saper dare risposte episodiche – ha proseguito il presidente della Provincia, – bisogna anche avere la capacità di mettersi insieme e di restarci per molto tempo, dimostrare insomma di essere non solo generosi, ma anche affidabili. E l’ANFFAS ci ha dimostrato in questi cinquant’anni di attività di saper diventare un importante punto di riferimento, capace anche di orientare le nostre scelte in tema di strategie e di politiche sociali. Voi siete l’orgoglio della nostra Autonomia, il segno più evidente di che cosa significhi essere una comunità responsabile, capace di tirarsi su le maniche e di lavorare sodo, con competenza ma anche con sensibilità e spirito familiare. È per questo motivo che alla rappresentanza dei vostri giovani oggi qui in Sala Stampa regaliamo il libro “Il Volo dell’Aquila” che, per fumetti, racconta la storia e le vicende della nostra Autonomia. Auguro all’ANFFAS altri cento-centocinquant’anni almeno di attività, con la medesima energia e convinzione. Siete un esempio per tutti noi”. È quindi toccato al presidente di ANFFAS Trentino onlus Enderle raccontare questi cinquant’anni di storia.

Link al Comunicato PAT

EXCEED: INTERVENTI TRANSNAZIONALI DI AGENZIA DEL LAVORO PER L’INSERIMENTO LAVORATIVO DI SOGGETTI “DEBOLI”

COMUNICATO nr. 740 del 30/03/15

Approvato oggi dalla Giunta, su proposta del presidente della Provincia, un programma europeo di interventi predisposto da Agenzia del Lavoro e denominato – Exchange of employment practices for disable people -EXCEED. Il programma si concretizzerà in uno scambio di esperienze, modelli di intervento, sperimentazioni e visite di studio e formazione fra la Provincia autonoma di Trento, la Regione Piemonte, la Spagna, il Belgio, l’Austria, la Svezia e la Finlandia, riguardante il sostegno all’apprendimento e l’inserimento lavorativo/sociale dei disabili e di altri target deboli o svantaggiati. Nell’ambito della strategia Europa 2020, particolare enfasi è posta sulla caratteristica di intelligenza, sostenibilità e inclusività che la crescita nell’Unione europea deve avere. In questo contesto, l’attenzione allo sviluppo di metodologie, pratiche, strumenti e reti per il sostegno all’apprendimento e l’inserimento lavorativo/sociale dei disabili e altri target deboli ha acquisito negli anni consapevolezza e consenso e ha spinto gli stati membri, assieme alle regioni e agli altri attori istituzionali, ad attivare le opportune sperimentazioni. Tende a perseguire questo obiettivo il programma di interventi predisposto da Agenzia del Lavoro e denominato – Exchange of employment practices for disable people -EXCEED. Il programma, ora alla valutazione dei competenti organismi europei e nazionali, disporrà di un finanziamento completamente comunitario pari a 300.000 € per una durata di 28 mesi. Saranno attivamente coinvolti i decisori istituzionali ma anche gli operatori dei settori coinvolti, con particolare riferimento alla cooperazione sociale ed ai suoi organismi di rappresentanza.

Link al Comunicato PAT