Archivia per Giugno, 2013

COMUNICATO PAT nr. 1652 del 04/06/13

Il quarto incontro generale con gli assessori Ugo Rossi e Mauro Gilmozzi

I COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA OGGI A CAVALESE

“In questi anni abbiamo investito molto in tema di politiche familiari e molte iniziative si sono aggiunte man mano che il progetto avanzava; questo anche grazie all’impulso dato dalla nuova legge in materia”: l’assessore provinciale alla salute e politiche sociali Ugo Rossi è intervenuto questa mattina, al Palacongressi di Cavalese, al quarto incontro generale dei Comuni amici della famiglia. Era presente anche l’assessore all’urbanistica, enti locali, personale, lavori pubblici e viabilità Mauro Gilmozzi. Si è fatto il punto su questa esperienza con una nutrita platea di amministratori pubblici e operatori del sociale.

Link al Comunicato

COMUNICATO PAT nr. 1617 del 02/06/13

“Casa Dal Rí” sarà ora gestito dall’APPM, all’inaugurazione l’assessore Ugo Rossi

A MORI IL NUOVO CENTRO PER MINORI

É realtà il nuovo centro per minori “Casa Dal Rì” di Mori. Ieri pomeriggio il taglio del nastro ufficiale alla presenza delle autorità e della comunità locale. La struttura che sarà ben presto un punto di riferimento per i giovani della zona. Casa Dal Rí infatti rinasce come spazio di sostegno e di apertura per i giovani, così come era nei desideri di Bruna Dal Rì che la donò nel 2000 all’associazione Villa Argia Onlus, realtà che da oltre 30 anni si occupa del disagio giovanile con sede in una villetta tra Mori e Loppio, vincolando il lascito alla volontà che la sua abitazione venisse dedicata ai giovani.

Link al Comunicato

COMUNICATO PAT nr. 1615 del 02/06/13

L’assessore Ugo Rossi: “Un investimento per il nostro futuro”

RIVA DEL GARDA, INAUGURATO IL NUOVO CENTRO DEL “CASA MIA”

Taglio del nastro ieri mattina per il nuovo centro di servizi socio educativi “Casa Bresciani” del “Casa Mia” di Riva del Garda, da sempre riferimento altogardesano per le comunità residenziali destinate ai ragazzi dai 6 ai 18 anni. Collocato in una delle zone di maggior pregio della città del Benaco, ai piedi del Brione tra olivi e vigneti, il nuovo centro potrà ospitare fino a 50 ragazzi, spesso con situazioni pesanti alle spalle, in alcuni casi anche con handicap. I ragazzi saranno suddivisi in “gruppi appartamento” e a pieno regime si potrà contare sulla forza di 26 tra educatori e assistenti, oltre alle colonie estive con una media di 65 ragazzi per settimana. Il nuovo centro si trova in un fondo di 22 ettari di campagna composto da una casa colonica cresciuta nei secoli intorno ad un corpo principale risalente al medioevo che i fratelli Ettore e Giuseppe Bresciani hanno lasciato per testamento a quello che era un tempo l’orfanotrofio femminile di Riva. Ci sono voluti complessivamente dieci anni per decidere cosa fare di questo lascito e per passare alla fase che l’ha ristrutturato completamente ma oggi i risultati sono sotto gli occhi di tutti. A fare gli onori di casa Pierluigi Lotti e Renzo Galvagni, rispettivamente presidente e direttore del “Casa Mia”. Molte le autorità presenti alla cerimonia di inaugurazione: dal sindaco di Riva del Garda Adalberto Mosaner, al presidente della Comunità di Valle Salvador Valandro, all’assessore provinciale alla salute e politiche sociali Ugo Rossi.

Link al Comunicato